Verso Ascoli-Parma: Bucchi e Pecchia riflettono su un possibile cambio modulo

15.09.2022 20:54 di Vito Aulenti Twitter:    vedi letture
Verso Ascoli-Parma: Bucchi e Pecchia riflettono su un possibile cambio modulo
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di TuttoSalernitana.com

Dopo la deludente sconfitta di sabato scorso contro la Ternana, il Parma di mister Pecchia proverà a rimettersi in carreggiata già nel match esterno con l'Ascoli, formazione che, lo ricordiamo, nella passata stagione è andata molto vicina all'impresa promozione, arrendendosi solamente nel turno preliminare dei playoff al cospetto del Benevento. A dirigere la contesa sarà il signor Alessandro Prontera della sezione di Bologna, coadiuvato dagli assistenti Domenico Rocca di Catanzaro e Mattia Politi di Lecce, e dal quarto uomo, il signor Paolo Saia di Ragusa. 

LE ULTIME DA ASCOLI - Problema di natura muscolare per Falasco, la cui presenza per la gara di sabato appare incerta: se il laterale destro dovesse dare forfait, ecco che a sostituirlo sarebbe Giordano. Intanto, in occasione del difficile match coi ducali, mister Bucchi sembra orientato a passare dal 4-3-3 ad un più accorto 4-4-2: un modulo che, almeno sulla carta, darebbe maggiore equilibrio e solidità ai bianconeri. Per quanto riguarda il reparto offensivo, l'unico certo di un posto è l'inamovibile Gondo: per il resto, è bagarre tra le altre punte a disposizione dell'allenatore romano.

LE ULTIME DA PARMA - Le condizioni di Bernabè continuano a tenere col fiato sospeso sia Pecchia che i tifosi gialloblù: la speranza è quella di provare a recuperarlo per tempo per la partita del Del Duca, ma l'impressione è che lo spagnolo possa essere risparmiato per evitare guai peggiori. Se difesa e centrocampo dovrebbero essere confermati in toto, l'attacco - volenti o nolenti - dovrà invece necessariamente subire variazioni, visti i recenti infortuni di Mihaila e Ansaldi. Sarà interessante capire se il tecnico crociato continuerà a schierare i suoi col 4-2-3-1, adattando così uno tra Tutino e Benek nel ruolo di esterno offensivo, oppure se, per l'occasione, passerà ad un attacco a due, esaltando così maggiormente le caratteristiche dei due sopraccitati attaccanti.

LEGGI ANCHECollecchio: oggi esercitazioni tecniche, palle inattive e lavoro per reparti