LIVE! Bani: "Dobbiamo aggiungere coraggio". Conti: "Il Parma ha giocatori di alto livello, ce la faremo"

Diretta scritta su ParmaLive.com. Aggiorna la pagina per seguire il LIVE in diretta!
03.02.2021 18:25 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
LIVE! Bani: "Dobbiamo aggiungere coraggio". Conti: "Il Parma ha giocatori di alto livello, ce la faremo"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

18.25 - Si chiude la conferenza stampa di presentazione di Andrea Conti e Mattia Bani. 

Per Conti: preferisce giocare a quattro o a cinque?
"E' una domanda che mi fanno spesso (ride, ndr). Ho sempre giocato a quattro tranne un anno a Bergamo in cui ho fatto il quinto. Sono ruoli diversi, non ho preferenze, io cerco di adattarmi a ciò che mi viene chiesto. A fare il quinto hai più libertà però per me non cambia niente". 

Per Bani: siete in tanti come centrali, avete lavorato già per una difesa con tre centrali?
"Onestamente sono arrivato da due giorni, stiamo cercando di integrarci e il mister sta cercando di farci capire qual è la sua idea di calcio e noi dobbiamo essere bravi a capirlo. Non abbiamo parlato di numeri". 

Per Bani: lei Bologna la conosce bene, che partita si aspetta domenica? Quale può essere la chiave per ripartire?
"Mi aspetto una partita difficile perché col Bologna è sempre difficile. L'anno scorso ero dall'altra parte e il Parma è sempre un avversario ostico: abbiamo pareggiato noi all'ultimo e in una ha pareggiato il Parma nel recupero. Sono partite aperte, chi sbaglia meno porta a casa i tre punti. Sappiamo che queste partite durano fino alla fine, l'importante è non prendere gol e cercare una zampata anche all'ultimo". 

Obiettivo personale?
Risponde Bani: "Penso che sia difficile ora pensare a livello personale. Abbiamo tutti un unico obiettivo, mantenere la categoria. Il singolo va messo da parte e dobbiamo far sì di uscire da questo momento e che vengano i risultati". 

Cosa manca al Parma? 
Risponde Bani: "Del Parma ho visto l'ultima partita a Napoli e abbiamo fatto un'ottima partita. Va reso conto che si giocava contro il Napoli, che nel secondo tempo faticava ad uscire. Dopo bisogna aggiungere coraggio, spavalderia e magari fare una corsa in più dell'avversario che ti permette di vincere le partite". 

E' stata una vostra scelta comprare prevalentemente negli ultimi giorni di mercato?
"Purtroppo non è stata una scelta, prima mettevamo giocatori a disposizione e meglio era. Però come succede in Italia con il mercato aperto un mese si fanno gli affari l'ultimo giorno, non è stata una scelta voluta". 

Avete fatto un mercato in linea verde: tante promesse, saranno pronti sin da domenica?
"A livello fisico abbiamo fatto un mix. Hanno bisogno di un minimo di tempo per capire cosa vuole il mister, per capire cos'è il nostro calcio, la lingua. Sono a disposizione perché stanno bene, magari non entreranno subito rispetto a Pellè o Bani che conoscono il campionato".

Il Parma ha chiuso con tante prime punte, possiamo vedere un cambio di modulo?
"
Questo dovete chiederlo al mister. In base a quello che bisogna affrontare con le caratteristiche dell'avversario. Possiamo avere qualche opportunità in più". 

Qualche impresa a Parma l'avete fatta, questa è la più difficile?
"E' alla portata, siamo a due punti dalla salvezza e c''è tutto un girone da giocare. Anche chi ci sta davanti se la dovrà vedere con noi, quest'anno è un campionato difficilissimo, chi si può sentire tranquillo può soffrire, noi dobbiamo fare il nostro percorso: testa bassa e lavorare, seguire il mister che ha quel senso di appartenenza che serve alla squadra per salvarsi. Peccato non ci sia il pubblico, ne avremmo bisogno. Ribocchiamoci le maniche e pensiamo a dare il massimo, senza negatività". 

Ci sono polemiche da placare, dopo l'intervista post Napoli di mister D'Aversa:
"Il mister ha parlato dopo una partita perso dove c'era nervosismo. Le sue parole sono state travisate, voleva dire che non si riusciva a portare a casa i giocatori che aveva chiesto, ma come succede in questo mercato, avevamo obiettivi che non siamo riusciti a chiudere. C'è una linea comune e sposata da tutti, si cerca di individuare obiettivi e una strada da perseguire. Abbiamo preso 5 giocatori che possono dare una grande mano, e allo stesso tempo noi ci salviamo con i vecchi e con chi c'era l'anno scorso, perché devono avere più di altri responsabilità dei risultati che non stanno arrivando. Sono loro che devono spingerci a fare meglio, perché potevamo prendere anche Ronaldo ma senza spirito retrocedevamo comunque. Mi preme che la squadra ritrovi la mentalità che ci ha permesso di salvarci, cercare di fare di più rispetto ad oggi. Solo così recuperiamo la stagione. Ci sono 18 partite e per noi devono essere 18 finali, ogni domenica deve essere una battaglia con il sangue agli occhi. 

E' un periodo complicato con i tifosi che si lamentano anche sui social: molti chiedevano di lei. Ha qualcosa da dire?
"Innanzitutto non sono potuto tare vicino alla squadra perché ho preso il covid e mi spiace. Quello che mi compete è che io ai tifosi voglio bene ma non posso mettermi a rispondere ai tifosi sui social. Io starò qui e darò una mano dando la mia opinione. Ci sono ruoli e competenze che vanno rispettati, anche se a volte non mi si vede faccio la mia parte". 

Quanto è stato difficile accontentare il mister? Manca un centrocampista?
"Il mercato di gennaio non è facile. Quelli bravi li tengono e noi dobbiamo trovare opportunità che servono per completare la squadra. Ci siamo riusciti, il mister ci ha dato linee guida e in linea di massima abbiamo portato a casa ciò di cui avevamo bisogno. Tante trattative non sono arrivate in fondo per la legge del mercato, con squadre che non volevano rinforzarci. Ci tengo a sottolineare che il presidente ha dato grande disponibilità economica, è importante avere una proprietà solida che fa di tutto per mantenere la categoria". 

Per Lucarelli: il ritiro serve come approfondimento?
"C'è un po' di tutto, dalla voglia di inserire subito i nuovi e la voglia di percepire il momento anche da parte dei vecchi per trovare un'idea unica per raggiungere l'obiettivo. Cancellare gli alibi, che non ne abbiamo, qui c'è tutto per far bene e serve l'anima per salvarsi. Ritrovare lo spirito che hanno e che devono ritirare fuori, il fatto di stare insieme serve anche a questo". 

Per Conti: quanti punti servono a febbraio?
"Non saprei, però sappiamo che è un mese importante con scontri diretti. Giocheremo sempre per vincere e fare più punti possibile". 

Per Conti: cosa mancava al Parma visto da fuori?
"Manca un po' di consapevolezza nei mezzi. La squadra c'è, ci sono giocatori di livello superiore della salvezza". 

Per Bani: fisicamente è pronto?
"Si mi sono allenato fino all'altro giorno, sto bene". 

Per Conti: cosa vi siete detti in ritiro?
"Lo vedo come uno stare insieme per conoscerci meglio, non come una punizione. Stiamo sfruttando questi giorni per conoscerci e siamo tutti convinti che sia giusto restare qui e condividere i momenti insieme. Il confronto dopo Napoli? Confronto classico, abbiamo fatto una buona partita ma abbiamo concesso due gol per errori nostri".  

Per Conti: che impressione sta avendo? Che atmosfera c'è?
"Io ho lottato per salvarmi in passato, so cosa significa. Con la squadra che abbiamo sappiamo che l'obiettivo è difficile, le altre lotteranno fino alla fine, ma siamo un ottimo gruppo con ottimi giocatori e già da domenica partirà un nuovo campionato per fare questi 27 punti". 

Per Bani: sarà decisivo febbraio? 
"Io penso che questo mese sia decisivo come gli altri, dobbiamo fare 27 punti e non possiamo permetterci di pensare ad una partita prima di un'altra. Fino all'ultima partita daremo battaglia". 

Per Bani: con che spirito arriva?
"Cerco di portare la mia esperienza. Dobbiamo ritrovare coraggio, quando giochi queste partite ci vuole anche spavalderia. C'è qualità, possiamo salvarci". 

Per Conti: ha già giocato due gare, come giudica la situazione?
"La situazione non è semplice, ma abbiamo giocatori di alto livello. Domenica parte un nuovo campionato, siamo convinti raggiungeremo l'obiettivo". 

Per Conti: quanto è stato importante conoscere D'Aversa?
"E' stato importante perché lo conosco da anni e so come lavora e che gioco vuole. L'ho sentito spesso, anche nell'estate scorsa, avevo bisogno di cambiare e ho scelto di venire qui anche per la società, seria e storica. Possiamo fare bene". 

17.48 - Prende la parola Lucarelli: "Siamo qui a presentare due nuovi acquisti nel reparto arretrato che saremo sicuri ci daranno una mano. Sono ragazzi che conoscono il campionato, pronti, che sicuramente alzano il livello della retroguardia e ci auguriamo possano restare con noi anche nei prossimi anni". 

17.46 - Ancora qualche momento di attesa prima dell'inizio della conferenza. Insieme a Bani e Conti sarà presente anche Alessandro Lucarelli. 

17.15 - Amici di ParmaLive.com, siamo in attesa di Mattia Bani e Andrea Conti, due dei nuovi acquisti del Parma, che tra pochi minuti, in conferenza stampa, verranno presentati come nuovi rinforzi crociati. Già in campo in due gare, entrambe da titolare, Conti arriva a Parma in prestito con obbligo di riscatto legato alla salvezza. Bani, ufficializzato proprio nell'ultimo giorno di mercato dopo l'arrivo in città nel sabato pre Napoli, arriva invece in prestito con diritto. A breve le parole dei due nuovi difensori crociati, che potrete seguire qui grazie al nostro consueto LIVE! in tempo reale. 

Leggi tutte le ultime novità sul Parma su Twitter! Diventa Follower
VUOI COLLABORARE CON PARMALIVE.COM? SCRIVICI!
Segui tutte le news di ParmaLive.com su Facebook: cllicca "Mi Piace"!
Tutte le novità del nostro sito sono anche su Instagram: seguici!