Krause: "Cinque anni per tornare in Europa. Commisso e Saputo mi hanno dato qualche consiglio"

24.09.2020 22:09 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
Krause: "Cinque anni per tornare in Europa. Commisso e Saputo mi hanno dato qualche consiglio"

In un'intervista ai microfoni di ForzaItalianFootball.com, il neo presidente del Parma, Kyle J. Krause, ha rilasciato una serie di dichiarazioni che vi riportiamo qui di seguito: "Il nostro obiettivo è diverso dalla vecchia proprietà. Certamente vogliamo mantenere la categoria, su questo non c'è dubbio, ma lavorare a lungo termine per costruire ciò che stiamo cercando di fare può comportare rischi. Penso che quello che vedremo ora è l'opportunità di prendere decisioni più rapide. I nostri soci sono fantastici e hanno fatto molte grandi cose, ma può essere difficile quando otto persone insieme cercano di prendere decisioni. Quindi penso che vedremo un processo decisionale più agile e anche la capacità di investire più a lungo termine".

I soci hanno mantenuto una quota del 10% e ora hanno un ruolo di supporto:
"Sì, sono entusiasta di averli in un ruolo di supporto e non potrebbero essere più solidali. Sono stati fantastici, disponibili e hanno passione. Lo hanno fatto per la loro passione per la città di Parma e alcuni di loro hanno una vera passione per il Parma Calcio. Quindi penso che per loro ci siano probabilmente emozioni contrastanti nel passare dalla proprietà di maggioranza a quella di minoranza. Sono abbastanza intelligente da sapere che voglio che la loro partnership continui a portare il successo al Parma Calcio. Ci hanno portato in un viaggio dove siamo oggi e voglio continuare quel viaggio con il loro supporto per portarlo nel futuro."

Il passaggio dall'essere un club incentrato sulla sopravvivenza a quello in competizione per la qualificazione europea non è così semplice come alcuni potrebbero suggerire:
"Non voglio davvero creare aspettative irrealistiche. Abbiamo abbastanza cambiamenti in corso che penso che ci possano volere cinque anni per tornare in Europa e questo è sempre difficile da dire come persona competitiva perché vuoi sempre essere lì. Mi piacerebbe essere lì, ma probabilmente ci vorrà più tempo".

L'Italia è qualcosa che ha sempre fatto parte della vita di Krause:
"Sì, ho sempre abbracciato e apprezzato tutto ciò che è italiano. Ho aziende in America con parole italiane come nomi. L'Italia ha sempre fatto parte della mia vita. Ho anche la passione per il calcio, quindi l'opportunità tra il calcio e l'Italia è un sogno e una passione per me".

Krause tifava per la Juventus, ma ora è qualcosa che si è lasciato alle spalle:
"Sì, ero un tifoso della Juventus. In precedenza ero un tifoso della Juve ed essendo la mia famiglia di Palermo, il Palermo sarebbe stata la mia seconda squadra".

Dopo aver completato l'acquisto dei crociati, Krause ha pubblicato un video su Twitter che lo vedeva rimuovere un vecchio adesivo della Juventus prima di sostituirlo con uno stemma del Parma:
"Sì, quello è il mio laptop e sopra ci sono alcuni marchi italiani. Qualche giorno prima della conclusione dell'affare, mi sono recato al negozio del Tardini. Ho comprato un piccolo pacchetto di adesivi con la speranza che avremmo concluso l'affare. Quando abbiamo concluso l'accordo con i nostri soci e ho avuto la fortuna di diventare proprietario di maggioranza, in quel momento, invece di una stretta di mano a causa di questi momenti di Coronavirus, il punto decisivo è stato che ho tolto l'adesivo della Juve dal mio laptop e ho applicato l'adesivo del Parma Calcio. Può sembrare una messinscena, ma non lo è stato. Era il momento di farlo".

Dati i suoi legami sia con il Piemonte che con la Sicilia, tifosi e gente del posto si sono chiesti: perché il Parma?
"Sono arrivato a Parma per una serie di cose. Ho iniziato a diventare più intelligente nel business del calcio, e mentre lo facevo speravo che un giorno avrei avuto l'opportunità di avere una squadra qui. Non sapevo se sarebbe stato in Serie A né a che livello. L'indagine che ho fatto mi ha mostrato diverse opportunità, e mentre le stavo ancora studiando si è presentato l'occasione del Parma. E' stata la mia prima scelta perché qui c'è una grande storia: il Parma degli anni '90 ci offre un'ottima base, Parma è una grande città e penso che abbiamo una base di tifosi con cui possiamo lavorare per fare grandi cose per il Parma Calcio, si spera".

Krause è il quinto proprietario nordamericano in Serie A, ed è già stato in contatto con il collega americano Rocco Commisso alla Fiorentina e con il patron canadese del Bologna Joey Saputo:
"Entrambi mi hanno aiutato durante il mio viaggio di apprendimento, che non è stato così lungo. Mi hanno dato qualche consiglio. Il motivo per cui li ho contattati è perché avevo alcuni contatti d'affari e potevo raggiungerli facilmente. Sono sicuro che domani potrei contattare altri proprietari americani e risponderebbero alla mia chiamata, ma proprio in questo turbinio di attività loro sono i due con cui mi sono messo in contatto. Sono stati fantastici e mi hanno inviato e-mail di supporto mentre completavamo l'affare la scorsa settimana. Non vedo l'ora di incontrare altri proprietari da tutto il mondo e prevalentemente italiani. Voglio incontrarli tutti e lo farò presto".

Commisso, in particolare, ha avuto la sua giusta dose di frustrazioni circa la questione stadio, ma Krause è più ottimista sulla riqualificazione del Tardini:
"Il sindaco Pizzarotti non avrebbe potuto essere più favorevole. È divertente che il vice sindaco faccia parte dei Boys, che occupano la Curva Nord, quindi non dobbiamo spiegargli nulla. I progetti di costruzione degli stadi sono complicati. È una situazione cittadina e calcistica, ma anche comunitaria. C'è poi una considerazione dei costi in quanto queste cose sono costose da fare, quindi bisogna soppesare un po' di cose. Ma prendere la struttura del Tardini e rimodernarla è quello che deve succedere, non puoi non farlo. L'Allianz Stadium è uno stadio veramente aggiornato, ma la cosa positiva è che ci sono molti progetti in corso, come Atalanta, Bologna, Cagliari, Roma, Milan, noi, Fiorentina e altri. Se tutti i progetti avranno successo, più della metà del campionato giocherà in nuovi stadi, e da qui lavoreremo per tornare ad essere il campionato numero uno al mondo". 

Dopo la sconfitta con il Napoli, Krause potrebbe festeggiare la prima vittoria a casa del Bologna di Saputo:
"Stavo scambiando delle email con Saputo e lunedì non sarà alla partita, quindi sarebbe giusto per noi ottenere la vittoria".