Salta l'accordo Lega-AIC: la Juventus fa saltare il banco e inguaia le piccole

31.03.2020 12:43 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
Salta l'accordo Lega-AIC: la Juventus fa saltare il banco e inguaia le piccole

Si sarebbe dovuto tenere ieri il vertice tra Assocalciatori e Lega Calcio sulla questione stipendi, ma tutto è slittato, almeno di ventiquattro ore. E il motivo è presto detto, l'anticipo della Juventus, che ha comunicato un accordo con i calciatori, ha fatto saltare il banco e messo in fuorigioco tutti i presidenti della Serie A, come riportato da Il Messaggero oggi in edicola. L'intesa raggiunta da Agnelli con la squadra prevede che Sarri e i suoi i calciatori rinuncino a percepire il pagamento di 4 mensilità nel corso di questa stagione sportiva (marzo, aprile, maggio, giugno), recuperando tuttavia 2,5 mensilità nel corso delle prossime stagioni. La rinuncia reale per calciatori e allenatore è dunque di una mensilità e mezza.

Così ora anche i giocatori degli altri club sarebbero propensi ad una scelta in tale direzione, con una rinuncia minore e le restanti mensilità spalmate sugli anni a venire. E va dunque a cadere la linea tenuta fino a due giorni fa che prevedeva di sospendere i pagamenti per tutto il periodo di inattività. Così i club medio-piccoli, che non hanno alle spalle la forza della Juventus, si trovano con le spalle al muro avanti alle richieste di calciatori e AIC. Un assist importante da parte della Juventus per il presidente dell'Assocalciatori Damiano Tommasi, che ha però messo in difficoltà le altre società.