Chi è Jack Rodwell, il centrocampista che si allena a Collecchio

01.11.2019 17:50 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di Alberto Fornasari
Chi è Jack Rodwell, il centrocampista che si allena a Collecchio

Nelle prime ore del pomeriggio l’esperto di calciomercato Alfredo Pedullà ha comunicato la presenza a Collecchio di Jack Rodwell, centrocampista inglese classe ’91, che si sta allenando con il Parma. Rodwell, svincolato dopo la parentesi al Blackburn in Championship, negli scorsi giorni era stato visto allenarsi a Trigoria con la Roma, anch’essa alla ricerca di svincolati sul mercato. Ma chi è Jack Rodwell? Ecco la storia di chi doveva essere il volto della Nazionale inglese e che a nemmeno trent’anni si è trovato senza squadra.

GLI INIZI
Rodwell cresce nel glorioso settore giovanile dell’Everton, squadra con cui a soli 16 anni esordisce in Europa League contro l’Az Alkmaar. Sembrerebbe l’inizio di una carriera sfavillante per questo centrocampista difensivo molto fisico ma versatile, in grado di ricoprire ogni ruolo del centrocampo, ma le cose non andranno per il verso sperato. Dal 2009-2010 Jack diventa un titolare inamovibile dei Toffees, e sotto la guida di David Moyes si impone come uno dei centrocampisti più interessanti della new-generation inglese. Inoltre, il rinnovo firmato fino al 2014, lo rende uno dei giocatori simbolo della parte blu di Liverpool, con i tifosi che lo acclamano ogni dove. Col passare degli anni però Rodwell, raggiunta anche la nazionale, inizia ad essere richiestissimo sul mercato e così, a malincuore, nel luglio 2012, lascia l'Everton, con il Manchester City di Roberto Mancini che investe venti milioni di euro.

MANCHESTER E IL DECLINO
Complice qualche infortunio di troppo, alla corte del Mancio Rodwell non riesce ad imporsi come sperato: conquista sul campo lo storico scudetto vinto all’ultimo secondo contro il QPR e una coppa di lega, ma le sue presenze sono sempre marginali. Dopo due anni di panchine decide di cambiare aria e di approdare nel nord d’Inghilterra, al Sunderland, per ben 12 milioni di euro.
Avviso: se mai doveste andare in vacanza a Sunderland (e sinceramente mi auguro proprio di no), non menzionate mai Jack Rodwell, uno degli uomini più odiati del Tyne and Wear. Sì, perché l’arrivo di Rodwell al Sunderland è concomitante a uno dei momenti storici peggiori della famosa compagine biancorossa, che dopo qualche anno di galleggiamento nelle zone basse della classifica retrocede in Championship a fine 2017. Rodwell, protagonista di un bizzarro record che lo vede sconfitto in 39 partite consecutive fra il 2013 e il 2017, guadagna un milione e mezzo di sterline, e con la squadra messa malissimo dal punto di vista finanziario decide comunque di non lasciare il club e rimanere per tutta la stagione (nella seconda serie inglese) a marcire in panchina ma mantenendo lo stipendio. Morale? A fine stagione altra retrocessione del Sunderland e Rodwell che decide di svincolarsi. Si accasa al Blackburn, sempre in Championship ma anche qui non fa faville.
Ora la speranza di riscatto per uno dei centrocampisti di cui meglio si parlava in Europa solo dieci anni fa: Rodwell convincerà il Parma a dargli una chance?