L'ultimo, infelice, precedente con l'arbitro Fabbri: ha diretto Roma-Parma dello scorso luglio

15.10.2020 15:46 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
L'ultimo, infelice, precedente con l'arbitro Fabbri: ha diretto Roma-Parma dello scorso luglio
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

"Fabbri 4 - Ecco perché l’AIA ha fallito la sua missione: se Michael Fabbri (presuntuoso) deve essere il futuro del movimento arbitrale italiano, siamo messi malissimo. Una stagione orribile, racchiusa in quella OFR che farebbe tenerezza se non fosse invece rabbia. Incredibile come l’arbitro di Ravenna non abbia concesso un rigore facile facile visto al monitor. Ma già ne aveva combinata una, con il penalty non visto su Cornelius", così recitava la pagella del Corriere dello Sport all'indomani della disastrosa direzione di gara di Michael Fabbri in un Roma-Parma dello scorso 7 luglio. Due rigori non dati ai crociati che ancora gridano vendetta. Due occasioni in cui il direttore di gara fu richiamato al VAR salvo poi sare un'interpretazione tutta sua delle occasioni, prima con Cristante che stende Cornelius davanti al portiere e poi con Mancini che devia un cross con un braccio ed il signor Fabbri che dopo svariati replay continua a vedere un tocco di spalla inesistente. Un infelice precedente, troppo recente per essere dimenticato.