Tifosi Atalanta: "Via Inter, Juve e Milan e spazio alla passione popolare"

20.04.2021 22:15 di Redazione ParmaLive.com   Vedi letture
Fonte: a cura di Marco Bellezza
Tifosi Atalanta: "Via Inter, Juve e Milan e spazio alla passione popolare"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sulla nascita della Superlega anche i tifosi iniziano a far sentire la propria voce. Attraverso una nota ufficiale l'Associazione Tifosi Atalantini ha pienamente osteggiato la nuova competizione che promuove un calcio elitario e legato solamente ad interessi monetari. I tifosi della Dea, andando contro corrente, sperano che i tre team di Serie A che hanno aderito all’iniziativa possano proseguire il loro percorso verso un’idea di sport che i bergamaschi non condividono, lasciando i club “minori” in tornei meno redditizi: “È facile immaginare che dietro alla scelta di Juventus, Inter e Milan di essere tra i promotori di questo progetto ci siano logiche puramente finanziarie. Non sappiamo se sarà da subito oppure se serviranno ancora degli anni ma la strada, per i ricchi del calcio è tracciata: andare a recuperare sempre più soldi, a prescindere da quello che vogliono i tifosi. Da quando è uscito il comunicato ufficiale nella serata di domenica, è iniziato il tiro al bersaglio verso i promotori di questa iniziativa. Da tifosi dell’Atalanta abbiamo un concetto del calcio che è quanto di più lontano possa essere dai pensieri di Andrea Agnelli e compagnia. Il nostro auspicio? Che la Superlega vada avanti. Avete letto bene, non siamo impazziti di colpo. Auspichiamo che Juventus, Milan ed Inter vadano a giocare la loro Superlega ed abbandonino per sempre la serie A e le coppe europee. Tenetevi la Superlega, i super diritti televisivi, gli stadi moderni, i posti a sedere e lasciateci giocare con i nostri avversari “minori” magari in stadi meno belli ma ancora animati dalla passione per il calcio e non per i soldi. Ma quanto sarebbe bello se il vostro posto in seria A fosse destinato a piazze come Palermo, Catania, Catanzaro, Lecce, Bari, Avellino, Vicenza, Como, Cremonese, Pisa e via dicendo…piazze che hanno fatto la storia del calcio come passione popolare in Italia. Non è una provocazione, andate avanti, sarebbe stupendo”.