Mirante: "A Parma ho visto tutto ciò che non deve succedere: ci sequestrarono le attrezzature mentre ci allenavamo"

22.05.2020 21:18 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Mirante: "A Parma ho visto tutto ciò che non deve succedere: ci sequestrarono le attrezzature mentre ci allenavamo"

Antonio Mirante, nel corso di un'intervista rilasciata ai canali ufficiali della Roma, ripercorre i suoi anni a Parma affrontando anche l'anno del fallimento, commentato con tristezza e rabbia: "A Parma ho trovato la mia condizione ideale. Il Parma è stata una squadra perfetta per me, per poter diventare un portiere completo. Fino a quel momento ero un portiere giovane, con delle buone qualità ma ancora non mi ero imposto del tutto. Lì sono maturato tanto, in più la città mi piaceva molto. Abbiamo ottenuto buoni risultati e mi sono consacrato come portiere di Serie A. Con Donadoni in panchina siamo anche arrivati in zona UEFA ma purtroppo non l’abbiamo potuta giocare. Il fallimento? Ho visto tutto quello che in una società di calcio non si deve vedere. Un giorno sono venuti a sequestrare le attrezzature della palestra mentre ci stavamo allenando, cose da non credere. A oggi non so cosa sia successo a livello penale per i responsabili. Tutti i dipendenti sono stati trattati malissimo, è stata davvero una brutta pagina per il calcio. Eravamo arrivati sesti l’anno prima, eravamo pronti per l’Europa League ma la UEFA non ci ha dato la licenza e da lì è iniziato il calvario”.