L’acquisto di Brunetta si complica: l’argentino non raggiungerà il 60% delle presenze

11.03.2021 12:26 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
L’acquisto di Brunetta si complica: l’argentino non raggiungerà il 60% delle presenze
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Non è stata, fin qui, una stagione facile quella di Juan Brunetta, arrivato in estate dal Godoy Cruz ma che in Italia ha trovato poco spazio. L’argentino, fresco di una convocazione con la Nazionale argentina Sub23, è arrivato in Emilia con la formula del prestito con obbligo di riscatto che scatterà al 60% delle presenze del classe ’97 con il club crociato. Brunetta arriva a Parma il 3 di ottobre, quando la squadra dell’allora tecnico Liverani ha già disputato due gare, con Napoli e Bologna. Il Parma, in questa stagione, disputerà 41 partite, le 38 di campionato e le tre giocate in Coppa Italia, con Pescara, Cosenza e Lazio. L’argentino ha fin qui messo insieme dieci presenze, otto in campionato e due in Coppa Italia, nelle ventisette gare per cui è stato arruolabile. Il Covid, come da lui raccontato in un’intervista concessaci qualche mese fa, lo aveva colpito, rallentandogli l’inserimento in Italia e condizionandone il primo periodo di forma, facendogli saltare diverse gare, nel momento peggiore possibile in cui avrebbe potuto iniziare il suo ambientamento. Il momento della squadra, in seguito, ha inciso, con tante difficoltà nel reparto avanzato a corto di gol.

Come detto, Brunetta sarà obbligatoriamente riscattato dal Parma al raggiungimento del 60% delle presenze totali del Parma, che, nel caso di Brunetta, dovrebbero essere 23. L’argentino è fermo a dieci e dunque non riuscirà a raggiungere il limite minimo imposto, viste le sole 12 gare restanti in campionato: Brunetta, anche giocandole tutte, arriverebbe solo a 22. Il riscatto, dunque, si complica. Il Parma ha investito per “Il Pianista” un milione di euro per il prestito, con altri sei che sarebbe stati versati nelle casse del Godoy al raggiungimento delle presenze prestabilite, cosa che non accadrà. Ma ciò non implica il non-riscatto del Parma, che potrà ritrattare con il club argentino o che potrà comunque versare la cifra pattuita in ogni caso: da capire la volontà delle parti. In gennaio Brunetta è stato corteggiato, e molto, da vari club argentini di alta fascia, e lo stesso calciatore non ha chiuso la porta ad un ritorno in patria.