Juventus, Sarri a Sky: "Parma squadra in salute e pericolosa, ma gol di Cornelius evitabile"

19.01.2020 23:37 di Vito Aulenti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Juventus, Sarri a Sky: "Parma squadra in salute e pericolosa, ma gol di Cornelius evitabile"

L'allenatore della Juventus Maurizio Sarri, intercettato dai microfoni Sky, ha così parlato dopo la vittoria sul Parma: "Abbiamo sbagliato le due gare con la Lazio, ma sono state due parentesi: la squadra è in crescita. Stasera abbiamo fatto una partita meno pulita del solito, abbiamo avuto il demerito di non chiuderla: come succede spesso in queste occasioni, abbiamo sofferto negli ultimi minuti. Anche perché abbiamo giocato contro una squadra in salute, una squadra fisica, che in certe situazioni è molto pericolosa".

Ad un certo punto si è capito perché non ha schierato dall'inizio il tridente Dybala-Higuain-Ronaldo.
"Abbiamo cambiato molto rispetto a mercoledì. Dopo il 2-1 ho voluto dare un segnale ai ragazzi, spingendoli a chiudere la partita per evitare brutte sorprese: non lo abbiamo fatto, e allora ho cercato di riequilibrare la squadra con Douglas Costa".

Come giudichi la prova di Ramsey e Rabiot?
"L'unico problema di Rabiot è che in questo momento sta giocando a destra, per il resto lui può starci tranquillamente in un rombo. Ramsey faceva spesso il trequartista all'Arsenal. Sono due ragazzi che vengono da un altro 'mondo', non si sono allenati tantissimo, ma mi sembrano in crescita".

Come è possibile frenare un giocatore come Cornelius? Il gol era evitabile?
"Basta un po' di passività in meno, eravamo tutti fermi sia fisiciamente che mentalmente. Bisogna essere molto più attivi, stasera abbiamo preso un gol contro una squadra specialista in questo genere di situazioni".

In cosa dovete crescere?
"Possiamo far meglio a livello di intensità mentale, ma anche nella gestione di alcuni momenti della gara. Preferisco prendere un gol in contropiede piuttosto che palleggiare in area di rigore".

Ti fa più paura l'Inter o la Lazio?
"La paura ce l'ho per le cose più serie, non nel calcio. Stiamo parlando di sport. La Lazio è in un momento talmente strepitoso che si spera duri poco...".