Cagliari, Semplici: "Concordo con D'Aversa, domani è LA partita. Ma non è l'ultima spiaggia"

16.04.2021 18:00 di Niccolò Pasta Twitter:    Vedi letture
Cagliari, Semplici: "Concordo con D'Aversa, domani è LA partita. Ma non è l'ultima spiaggia"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Intervenuto in conferenza stampa, il tecnico del Cagliari Leonardo Semplici ha analizzato la partita in programma per domani sera tra i sardi e il Parma di Roberto D'Aversa, un vero e proprio scontro per provare a mantenere la categoria: "Le parole del presidente sono giuste, sta a noi fare i fatti e uscire da questa situazione. Il campionato non è stato soddisfacente, però noi ci crediamo: i ragazzi soffrono di questa situazione, sono i primi a capire il momento e a volere risalire la classifica".

Domani è la partita della vita?
"Non abbiamo niente da perdere, sta a noi capovolgere questo momento". 

Che approccio si aspetta domani contro il Parma?
"A La Spezia abbiamo avuto tre occasioni da gol nei primi dieci minuti, ma dobbiamo essere bravi a distribuire le forze nell'intera partita per cercare di fare meno errori, producendo occasioni redditizie per quanto riguarda il risultato". 

Come ha lavorato sui gol che sono mancati spesso a questo Cagliari? 
“Abbiamo lavorato sulla finalizzazione e sui cross, ma cercando di esaltare le qualità dei nostri attaccanti. Dobbiamo giocare un calcio più coraggioso, c’è mancato troppo il colpo finale perché le occasioni sono arrivate. E questo è l’aspetto più complicato da migliorare”. 

D’Aversa ha definito questa sfida LA partita, è così anche per voi? 
“Assolutamente sì, i ragazzi percepiscono il momento. È normale avere questa sensazione e sta a me cercare di far vivere questa pressione nella maniera giusta, ma anche con un pizzico di consapevolezza che solo con la prestazione arriverà il risultato, mettendo in campo il carattere già visto domenica anche a Milano contro l’Inter. Con questa mentalità possiamo pensare di salvarci”. 

L’ultima spiaggia per la corsa salvezza, dal risultato di domani passa il suo futuro? 
“Capisco voi giornalisti, ma secondo me non è un’ultima spiaggia. Sicuramente è una partita che sarà determinante per il futuro. Se vinciamo non siamo salvi, ci sono ancora tanti punti che poi vanno fatti”.

Ceppitelli ha recuperato o vedremo la stessa formazione? Ha mai pensato "se fossi arrivato prima..."? 
“Stiamo valutando Ceppitelli perché ha fatto solo due allenamenti e la prossima settimana abbiamo altre due gare chiave. Per la formazione sarà abbastanza vicina rispetto a quella di domenica a San Siro. Per il resto non conta niente quando sono arrivato, starà a voi giudicare. A me non interessa. Sono venuto qui con grande ambizione e consapevolezza della situazione. Voglio che questa squadra tiri fuori i mezzi che tutti gli addetti ai lavori le attribuiscono, se i ragazzi non ci sono riusciti sicuramente ci sono delle problematiche, ma mi auguro che si migliori la situazione”.