Per il Parma il 'problema' dei prestiti: potranno essere massimo 8, in entrata ed in uscita

05.05.2022 14:54 di Alessandro Tedeschi Twitter:    vedi letture
Per il Parma il 'problema' dei prestiti: potranno essere massimo 8, in entrata ed in uscita
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di TuttoSalernitana.com

Negli ultimi anni il Parma si è sempre caratterizzato durante le sessioni di mercato per numerose operazioni, sia in entrata che in uscita, spesso chiuse con la formula del prestito, magari con incluso un diritto od un obbligo di riscatto. Ebbene dalla prossima stagione assisteremo ad una notevole diminuzione delle operazioni con questa formula: la UEFA ha infatti imposto limitazioni all'uso dei prestiti e potranno essere massimo otto in entrata ed altrettanti in uscita. 

LEGGI QUI - Cambia il mercato, la FIFA limita i prestiti: cosa succederà in estate

Negli anni a seguire poi si andrà a diminuire ulteriormente, ma già la prossima estate sarà complicata per i dirigenti crociati. Se le operazioni in ingresso non saranno un problema, con gli attuali prestiti che andranno risolti entro il prossimo 30 giugno, tra riscatti, controriscatti e giocatori che torneranno alla base, un discorso diverso va fatto per i numerosissimi calciatori che rientreranno a Parma.

LEGGI QUI - Da sabato in poi sarà mercato: dieci calciatori sono già in bilico, tra prestiti e scadenze

Saranno 25 i gialloblu che rientreranno in crociato da diverse esperienze in giro per l'Italia e non solo. E solo in pochi casi il futuro è già scritto con riscatti obbligatori o scattati in base a ciò che era stato fissato nei contratti. Per tutti gli altri si dovrà trovare una nuova sistemazione, questa volta a titolo definitivo: sarà complicato accontentare tutte le parti in causa ed evitare spiacevoli casi di giocatori fuori rosa, come già successo