Di Palma: "La prima storica promozione fu appassionante, con un calcio eccezionale"

27.05.2020 19:41 di Alessandro Tedeschi Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Di Palma: "La prima storica promozione fu appassionante, con un calcio eccezionale"

Ospite di Tuttomercatoweb.com, Vincenzo Di Palma, preparatore dei portieri di vari club e in passato anche della Nazionale, ha ricordato la storica promozione in A del Parma, la prima in assoluto (lui era il preparatore dei portieri gialloblù) che avvenne esattamente trent'anni fa: "Fu un campionato appassionante perché nel girone d'andata eravamo primi dopo aver giocato un calcio eccezionale. Poi però nel ritorno all'inizio fu drammatico perché conquistammo solo due punti e andammo incontro a sei sconfitte. Fu brava la società a confermarci perché poi finimmo alla grande con dieci vittorie e due pareggi. Approdammo in serie A dopo aver battuto la Reggiana, in un derby, dunque un risultato ancor più elettrizzante".

Si apriva la grande era del Parma, vera isola felice...
"I segreti delle vittorie erano nel gruppo tecnico e dei giocatori. Avevano dei veri uomini. E poi la città ti lasciava giocare, c'erano i presupposti per far bene con una società ben organizzata".

Lei ha praticamente visto nascere Buffon nel Parma: quanto giocherà ancora?
"L'ho sentito tempo fa, ne parlammo e gli ho detto: 'finchè stai bene fisicamente e sei motivato perchè devi smettere? Continua'. Se ci sono gli stimoli vuol dire che può andare avanti".

Problemi per i portieri alla ripresa dopo lo stop forzato? "Non credo, anzi in casa il portiere ha potuto lavorare sulla forza. Può mancare l'aspetto aerobico che però al portiere non serve tantissimo. La tecnica non si dimentica. Può esserci magari qualche difficoltà a livello tattico con i compagni ma se il portiere ha conoscenze da questo punto di vista non ci saranno difficoltà".