PL - Cirillo: "Che bello ritrovare D'Aversa e i due giovanotti. Vedremo se riuscirò a proporre profili importanti al Parma"

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA
11.04.2019 12:28 di Vito Aulenti Twitter:    Vedi letture
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
PL - Cirillo: "Che bello ritrovare D'Aversa e i due giovanotti. Vedremo se riuscirò a proporre profili importanti al Parma"

Interpellato da ParmaLive.com, l'ex difensore di Inter e Reggina Bruno Cirillo, attualmente procuratore, ha così parlato della sua visita di ieri al centro sportivo di Collecchio: "E' stato bello per me andare lì, perché ho ritrovato vecchi amici, tra cui il mister, con cui ho giocato assieme. Poi ho rivisto i due giovanotti, Ceravolo e Nino (ride, ndr): li ho visti crescere. E' stata una visita bella, ho passato un po' di tempo con loro a ricordare i vecchi tempi. C'è stata grande ospitalità da parte del direttore e dell'allenatore, tutte persone molto gentili".

Nelle ultime gare, Ceravolo si sta ritagliando un po' di spazio.
"Ne parlavo proprio ieri con lui. E' un ragazzo eccezionale, che capisce bene tutte le situazioni: sa benissimo che, quando viene chiamato in causa, l'unica risposta che può dare è quella di dare una mano alla squadra. Credo che nelle ultime due gare si sia fatto trovare pronto".

Barillà, invece, ha vissuto una stagione da protagonista.
"Sì, sta facendo un ottimo campionato. Lo dimostra il fatto che stia sempre giocando e che abbia segnato diversi gol. Lui vuole continuare su questa strada".

Secondo te quanto manca alla salvezza del Parma?
"Ieri ho parlato col mister, mi ha fatto notare che arriveranno ancora delle belle partite. Comunque mi auguro che il Parma riesca a salvarsi. Già domenica è un banco di prova importante: ogni partita sarà una finale. Il Parma ha un piccolo vantaggio, ma dovrà comunque portare a casa qualche vittoria: i ducali sono nelle condizioni di farlo, perché hanno una buona rosa e dei giocatori importanti. Mi auguro possa arrivare prestissimo la salvezza matematica".

Prima hai detto di aver ricevuto grande ospitalità da Faggiano. Hai avuto modo di proporgli qualche tuo ragazzo?
"C'è un rapporto di stima e amicizia che mi lega al direttore. Gli ho chiesto che cosa cercano per il prossimo anno: vedremo se riuscirò a trovare qualche profilo importante da poter proporre ad una società importante come il Parma".

In base a quello che ti ha detto, pensi che nella prossima stagione il Parma alzerà ulteriormente l'asticella?
"Questo non lo so, sono cose societarie. Però il Parma è il Parma: ha vissuto anni delicati, ma in pochi anni è tornato nel calcio che conta, quello che gli compete. Il direttore è uno dei migliori tra gli emergenti, sarà sicuramente capace di fare quello che deve fare".

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA