Faggiano e il mercato: "Giovinco un'idea, Darmian punto fermo. Bonaventura? Vediamo"

23.04.2020 21:22 di Niccolò Pasta Twitter:    vedi letture
Faggiano e il mercato: "Giovinco un'idea, Darmian punto fermo. Bonaventura? Vediamo"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Gaetano

Nel corso della nostra diretta su Instagram il Direttore Sportivo Daniele Faggiano non si è sottratto a qualche domanda di mercato, partendo dal suo pensiero su come sarà la prossima sessione: “Dovrà essere un anno zero, ma non solo per noi. Per l’economia in generale. Non ci penso al mercato perché penso prima a finire questa questo campionato. Vedere quante ossa rotte avremo, perché tutti le avremo dalla più  grande alla più piccola”.

Sebastian Giovinco è stato un'idea? C'è ancora quest'idea?
“L’idea c’è stata visto che ho parlato con chi lo segue e con il ragazzo a gennaio, perché se fosse andato via Gervinho dovevamo cautelarci. Il ragazzo sarebbe stato entusiasta dell’idea, ma dobbiamo guardare a tante cose, sia economiche che di lista”.

Da portiere a portiere, Luigi Sepe, tra i migliori del Parma, portato a Parma quando non stava vivendo un gran momento a Napoli:
“Sì però in quella scelta c'è tanto di D'Aversa e c'è tanto di Bartoli, il nostro preparatore. Lo avevano avuto già a Lanciano, loro ci tenevano tanto e sapevo che era un giocatore che oltre a essere bravo in porta ha una dote importante per un portiere, ha dei buoni piedi. Mi sono fidato e lo abbiamo preso, era quello che ci serviva per cercare di ripartire subito. Poi è una gran persona, un bravo padre di famiglia, oltre che essere un ottimo portiere”.

Capitolo Iturbe, cosa ci può dire? In passato era stato vicino:
“L’estate scorsa aveva un ingaggio fuori portata, A gennaio c’era una situazione che non era possibile prenderlo. L’ultimo giorno non era facile farlo”.

E su Piatek?
“Abbiamo parlato ma non era semplice, c’erano tante squadre che potevano permettersi il suo ingaggio. A noi dovevano dare più di una mano per l’ingaggio (ride ndr)”.

Come è nata l'idea Darmian? Potrà essere un punto fermo del futuro del Parma?
“Siamo stati bravi e fortunati. Darmian può essere un punto fermo del calcio italiano. Sia come calciatore che come allenatore o dirigente. E’ un ragazzo a cui piace il suo lavoro, con la testa sulle spalle. Ed un’ottima persona, come detto per Sepe”.

Un'ultima domanda: un pensiero su Bonaventura, futuro svincolato?
“Ormai gli svincolati non sono svincolati. Hanno tutti commissioni importanti come se li comprassi. Non è semplice, vediamo. Il giocatore non si discute. Il pensiero si fa, si fa su tutti anche su Ibrahimovic e Dybala non è detto vadano a buon fine".

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA