*Rewind Parma 2016* - 19/12: Reggiana-Parma 0-2, partita perfetta e il derby è gialloblù

26.12.2016 16:05 di Nico D'Agostino   Vedi letture
© foto di Giovanni Padovani
*Rewind Parma 2016* - 19/12: Reggiana-Parma 0-2, partita perfetta e il derby è gialloblù

La gara parte con una grande intensità fisica da ambo le parti, come era lecito aspettarsi. Finalmente determinato, corto, solido dietro e con un buon fraseggio grazie alla regia di Corapi, il Parma affonda sulla sinistra con un bel cross di Nunzella sul quale si avventa Calaiò, Perilli risponde miracolosamente ma non può nulla sul tap-in vincente di Giorgino che sempre di testa porta in vantaggio gli ospiti. I granata accusano il colpo e dopo pochi minuti subiscono addirittura il raddoppio quando un illuminante passaggio di Corapi trova Baraye tutto solo sulla sinistra, il senegalese si accentra saltando Rozzio e battendo Perilli sul primo palo proprio sotto la curva gialloblù: delirio crociato e 2-0! Il Parma cresce nella convinzione e dà l'impressione di poter chiudere il match senza però trovare il colpo decisivo. Colucci cambia il volto alla Reggiana inserendo subito Cesarini e Marchi per Nolè e Guidone e la pressione granata è subito più intensa ma il Parma risponde con Baraye che sfiora il tris con un gran tiro a giro di sinistro alla Del Piero che avrebbe fatto venir giù la curva crociata. 

CLASSIFICA: Venezia 39, Pordenone 38, Reggiana 36, Padova 33, Parma 33, Gubbio 31, Sambenedettese 31, Bassano Virtus 29, FeralpiSalò 26, Albinoleffe 25, Santarcangelo 24, Lumezzane 21, Sudtirol 21, Maceratese 20, Ancona 20, Teramo 18, Modena 16, Forlì 16, Fano 15, Mantova 15.

D'Aversa: "Abbiamo fatto una grande partita e credo che il risultato sia una conseguenza dell'atteggiamento che la squadra ha messo in campo, anche di coloro che hanno fatto di tutto per esserci e quindi è merito loro e della loro convinzione di portare a casa il risultato. I ragazzi devono essere felici per loro, per la società che sta investendo ed è sempre presente, per tutti i tifosi che sono giunti fin qui e per quelli che non lo hanno potuto fare. Credo che oggi loro non si aspettavano il notro sistema di gioco e soprattutto nel primo tempo siamo stati compatti, determinati e cattivi nella fase difensiva in cui hanno partecipato tutti. Abbiamo fatto delle ottime scelte in possesso palla anche se nel secondo tempo siamo un po' calati ma la vittoria penso sia meritata".

Ke Nako! Era questo lo slogan che il popolo sudafricano gridò al mondo nell'organizzazione del mondiale di casa. Cosa c'entra col Parma? Ke Nako in lingua swati vuol dire “E' giunta l'ora!” e come nel 2010 significò la prima volta di un mondiale africano, oggi per i ducali potrebbe tradursi nella gara della svolta per rilanciarsi in un campionato finora troppo anonimo e per battere i cugini reggiani in un derby molto sentito e che mancava da quasi vent'anni. Il Parma espugna il Mapei Stadium infliggendo la prima sconfitta interna ai cugini granata lasciando esplodere la gioia dei tremila tifosi accorsi a Reggio a gridare: Ke Nako! E' giunta l'ora, di voltare pagina!