Focus - Numeri da grande per D'Aversa a Parma: il tecnico ora ha messo d'accordo tutti

26.12.2019 19:11 di Vito Aulenti Twitter:    Vedi letture
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport
Focus - Numeri da grande per D'Aversa a Parma: il tecnico ora ha messo d'accordo tutti

Il 3 dicembre 2016, data in cui Roberto D'Aversa divenne ufficialmente il nuovo allenatore del Parma, in pochi avrebbero scommesso su di lui. Del resto il classe 1975 nativo di Stoccarda sino a quel momento aveva accumulato solamente 69 panchine, tutte con la Virtus Lanciano (16 V, 27 P, 26 S), lasciando certo intravedere ottime qualità, ma senza la possibilità di dimostrare appieno il suo valore. Grazie anche ad uno staff tecnico straordinariamente preparato e alla fiducia incondizionata della proprietà, D'Aversa ha invece potuto esprimere a Parma tutte le sue doti da allenatore, raggiungendo risultati immediati e di pregio come la doppia promozione consecutiva dalla C alla A, e la salvezza complessivamente tranquilla della passata stagione.

I numeri di D'Aversa da tecnico del Parma sono davvero importanti: in questi tre anni in Emilia, infatti, l'ex centrocampista del Milan ha collezionato 128 panchine, cogliendo - tra C, B e A - 58 vittorie e 29 pareggi. I gol segnati dalla sua squadra sono complessivamente 173, a fronte dei 146 subiti, mentre la sua media punti è di 1,59 a partita. Ma al di là dei dati, ciò che più ha colpito di mister D'Aversa sono stati il suo carattere, la sua costanza, l'efficacia, nonché la capacità di esaltarsi di fronte alle difficoltà. Ha rimesso a nuovo giocatori importanti come Gervinho, lanciato giovani come Kulusevski e esaltato al massimo le caratteristiche di ragazzi come Iacoponi, Gagliolo, Barillà e Scozzarella che, prima di Parma, avevano solamente assaggiato la A. Insomma, l'allenatore abruzzese ha messo d'accordo praticamente tutti, anche i più scettici. Ma da professionista ambizioso e perfezionista qual è, D'Aversa non ha tempo per voltarsi indietro: tra un brindisi e un panettone, starà già pensando intensamente alle stimolanti sfide del 2020, sperando possa essere un altro anno straordinario.