Con o senza Cornelius? 1.46 punti a partita col danese. Senza, il rendimento crolla

21.10.2020 18:08 di Donatella Todisco   Vedi letture
Con o senza Cornelius? 1.46 punti a partita col danese. Senza, il rendimento crolla
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Quanto fa o ha fatto realmente la differenza Andreas Cornelius con la maglia del Parma? Guardando i numeri viene da dire abbastanza, considerando soprattutto i dati registrati nella passata stagione, più che nell'inizio di quella attualmente in corso. Una delle sue doti migliori è quella strettamente legata al gioco aereo, ma in generale la sua abilità realizzativa ha dato una grande mano a D'Aversa e sicuramente può diventare un punto di riferimento anche per il gioco di Liverani, che in realtà ha avuto la possibilità di utilizzarlo a pieno regime sono nella sfida d'esordio contro il Napoli. Il fatto che sovente, quando è mancato Cornelius, i due tecnici non abbiano quasi mai potuto contare su Inglese, di certo non ha aiutato la media punti in assenza del danese. 

CON CORNELIUS MEDIA POSITIVA - In gialloblù ed in campionato, il centravanti danese ha collezionato 13 vittorie, altrettante sconfitte e 2 pareggi in 28 partite, tra alti e bassi. Per intenderci, una media a metà tra il sogno Europa League ad un certo punto accarezzato, e l'obiettivo, più a portata di mano, della salvezza tranquilla. Dodici le reti sin qui siglate, in particolare grazie agli exploit contro il Genoa sia all'andata che al ritorno: 6 reti al Grifo, che a tutti gli effetti è diventato il suo bersaglio preferito. Con lui in campo i ducali hanno raccolto 1,46 punti a partita: nello specifico, 41 in 28 gare complessive. Una media in linea anche con le ultime stagioni, che hanno visto la squadra disputare tornei in una zona di classifica di relativa tranquillità. 

SENZA IL DANESE QUANTA FATICA! - Senza il danese l'involuzione della squadra è evidente, anche sul piano del risultato. In 14 gare disputate senza l'ex Atalanta, infatti, il Parma ha raccolto la miseria di 2 vittorie, 5 pareggi e 7 sconfitte: una media da retrocessione. Per mantenere continuità e sperare di progredire - al netto dell'impronta che Liverani spera di poter dare alla squadra - non si potrà fare a meno anche di lui. Il suo pieno recupero può essere sinonimo di garanzia di rendimento, anche se purtroppo i tanti infortuni patiti nella sua avventura con la maglia ducale non danno certezze su una vera continuità di utilizzo.