Amarcord - 04/05/86, Parma-Reggiana: una giornata che fece male allo sport

04.05.2016 16:51 di Mattia Bottazzi Twitter:   articolo letto 2035 volte
Amarcord - 04/05/86, Parma-Reggiana: una giornata che fece male allo sport

Quel 4 maggio 1986 si giocava un Parma-Reggiana rimasto nella storia non tanto per quello che successe in campo ma per quello che successe, purtroppo, sugli spalti. Per la cronaca, il Parma di Arrigo Sacchi che si avviava alla promozione dalla Serie C1 alla Serie B perde 2-1 in casa, per i crociati segnò Gianluca Signorini, deceduto nel 2002 a causa di una brutta malattia, mentre per i granata segnarono Marco Cacciatori e Saverio Albi. Mancavano quattro giornate alla fine del campionato e il match era importantissimo per le sorti e il futuro della squadra, sconfitta condizionata dall'arbitro Calabretta di Catanzaro che costrinse i crociati a giocare tutto il secondo tempo in inferiorità numerica per un'espulsione tanto incompresibile quanto discutibile di Roberto Paci.

A far da pessima cornice alla partita,degli scontri tra i tifosi crociati, le cui cause sono ancora da decifrare viste le testimonianze diverse da parte delle forze di polizia e dei tifosi. Un evento che ebbe conseguenze drammatiche, e che i Boys hanno voluto così ricordare sul proprio sito ufficiale "04/05/1986, una data che non si può dimenticare, soprattutto a 30 anni di distanza! Vogliamo rendere merito a tutti i ragazzi della Nord che erano presenti, ricordando in maniera particolare chi non è più fra noi!"