Per Karamoh un gol senza sorriso. Ma ha convinto Liverani a scegliere il 4-3-3

19.10.2020 13:46 di Donatella Todisco   Vedi letture
Per Karamoh un gol senza sorriso. Ma ha convinto Liverani a scegliere il 4-3-3
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Nella sfida disputatasi ieri alla Dacia Arena, i ducali hanno riportato una sconfitta in extremis per 3-2, in seguito al gol di Ignacio Pussetto all’88°, che ha chiuso la sfida regalando i tre punti all'Udinese. Nel mezzo tanti gol, emozioni, ribaltoni ma anche tante defaillances commesse dei ragazzi di Fabio Liverani, alcune delle quali anche decisive per l’esito finale della partita (vedi l’errore di Kurtic in disimpegno, che ha favorito il nascere dell’azione del secondo gol friulano). Tra le fila gialloblù uno dei giocatori che ha mostrato sacrificio e voglia di migliorarsi, nonostante alcuni errori, è sicuramente Yann Karamoh. Del resto «errare humanum est», ma è stato il suo secondo gol crociato a regalare agli emiliani il momentaneo pari del 2-2, con una bella spaccata sottoporta su assist di Pezzella.

Rispetto alla scorsa stagione l’ivoriano, finalmente a posto fisicamente, ha mostrato di sapersi adattare maggiormente alla squadra e nel match contro l’Udinese ha dato il suo contributo, quasi "costrigendo" Liverani a confermare il 4-3-3 di daversiana memoria. Nella scorsa stagione l’attaccante non è stato schierato molto spesso in campo dal tecnico abruzzese, che gli ha spesso preferito Kulusevski. Sicuramente, nel corso di questo campionato, il 22enne ha la possibilità di fare la differenza nel gruppo dei crociati a disposizione di mister Liverani e a mettersi in vetrina, magari diventando il trascinatore che l'anno scorso è stato lo svedese.