Lucarelli: "C'erano due rigori per noi. Gli episodi erano chiarissimi"

09.02.2020 21:22 di Vito Aulenti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Lucarelli: "C'erano due rigori per noi. Gli episodi erano chiarissimi"

Intervenuto in zona mista, il club manager del Parma Alessandro Lucarelli ha così parlato dopo le polemiche relative al match con la Lazio: "L'ho visto dalla tribuna, da 40 metri, che era rigore netto. Non si capisce come l'arbitro possa aver fatto a non vederlo. È ancora peggio il fatto che non sia stato richiamato dal VAR. C'è questa tecnologia per aiutare, non capisco perché non venga utilizzata. Siamo fortemente penalizzati dalla decisioni arbitrali che hanno deciso la partita. C'erano due rigori per noi, sia su Bruno Alves che su Cornelius, ed in entrambe le occasioni l'arbitro non è stato richiamato al VAR. Il VAR interviene sulle situazioni chiare. Quelle non erano chiare, erano chiarissime. Siamo molto dispiaciuti perché non è stato usato il regolamento e non è stata sfruttata la tecnologia".

La squadra non meritava la sconfitta.
"Dispiace molto, non meritavamo di tornare a casa senza neanche un punto. Hanno influito diversi fattori, fra cui le decisioni arbitrali. Non possiamo fare altro che lamentarci, ma vogliamo fare sentire la nostra voce. L'obiettivo della Lazio non è più importante del nostro, vogliamo essere rispettati. Abbiamo il diritto di valutare gli episodi dubbi, con questa tecnologia che è stata creata per aiutare l'arbitro".

Azioni nelle sedi opportune?
"Non mi sembra il caso, abbiamo cercato di avere spiegazioni dall'arbitro ma non c'è stata la possibilità. Parlano le immagini, questa sera abbiamo subito due torti".

Cosa hanno detto i ragazzi?
"Erano ovviamente arrabbiati, abbiamo fatto una grande partita, abbiamo creato occasioni nonostante le numerose assenze. Dobbiamo fare i complimenti alla squadra per come riesce a sopperire alle difficoltà. Purtroppo questa delusione brucia, dobbiamo smaltire questa delusione e pensare alla prossima partita, con la speranza che possa esserci più attenzione in futuro".

Il caso Gervinho?
"Il comunicato della società è chiaro, stiamo valutando questa situazione. Stiamo cercando di risolverla nel migliore dei modi, nell'interesse di tutti".

Da ex difensore, come valuti questi episodi?
"Fare il difensore oggi è davvero difficile, basta mettere una mano addosso ad un attaccante e rischi di prendere rigore. Hanno messo il VAR per dare una mano agli arbitri ma non viene usato, o viene usato solo quando torna comodo".