De Rossi-Perotti, serata di gala. Dzeko chiude male. Le pagelle di ParmaLive.com

26.05.2019 23:00 di Simone Lorini Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
De Rossi-Perotti, serata di gala. Dzeko chiude male. Le pagelle di ParmaLive.com

Mirante 7 - È in stato di grazia e a farne le spese stavolta è il "suo" Parma: allungo da fenomeno sul destro di Gervinho.

Florenzi 6,5 - In una gara non semplice, con la fascia di capitano pronta a cambiare proprietario e finire sul braccio, gioca in costante appoggio all'azione pur avendo Gervinho da tenere d'occhio.

Fazio 6,5 - Annulla Ceravolo in tutto e per tutto, andando anche vicino al gol con un paio di colpi di testa nell'area di Frattali. 

Jesus 6 - Irruento come sempre, ruvido quanto basta: bravo nel chiudere in velocità su Gervinho e ad aiutare Fazio quando il Parma riparte. 

Kolarov 6 - Primo tempo dei suoi: falcata regolare e tanti palloni dall'alto tasso di pericolosità messi in mezzo. Più sonnolenta la ripresa.

De Rossi 7 - Gara di ordinaria amministrazione, in cui riesce a nascondere tutte le emozioni di un addio doloroso e che il pubblico giallorosso ha assaporato pian piano. Dall'83' Under sv.

Pellegrini 6,5 - Gol non semplice che mette la Roma in condizione di condurre dopo un primo tempo di sofferenza.

El Shaarawy 5,5 - Si sveglia nell'ultimo quarto d'ora dopo un'oretta e passa di sonno: troppo tardi e troppo poco per incidere.

Pastore 6 - Matte in campo tanta voglia ma brilla solo a tratti, non riuscendo ad imprimere alla manovra la qualità che Ranieri gli aveva chiesto. Dal 57' Cristante 6 - Aumenta la fisicità della squadra a centrocampo, non certo il reparto in cui la Roma stava soffrendo comunque. 

Perotti 7 -Dopo aver salvato la festa di Totti, si ripete con quella di De Rossi: puntualissimo nel tocco sotto porta che regala tre punti inutili ai suoi.

Dzeko 5 - Esce tra i fischi, immeritati per il percorso alla Roma, anche se la sua prova è onestamente insufficiente. Peggior stagione della sua carriera, la prova contro il Parma la sintetizza perfettamente. Dal 62' Schick 6 - Entra bene in partita e nella sua mezz'ora crea sicuramente più grattacapi del suo compagno bosniaco.