Abbondanza di esterni alti mancini. A parte Gervinho, in tre preferiscono il sinistro

19.07.2019 15:14 di Mattia Bottazzi Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Abbondanza di esterni alti mancini. A parte Gervinho, in tre preferiscono il sinistro

Escluso Yves Baraye, destinato ad un nuovo prestito in Serie B, il quartetto di esterni, salvo qualche sorpresa come una possibile cessioni di Luca Siligardi o Mattia Sprocati ed un eventuale innesto, dovrebbe essere già formato. A supportare Inglese e Cornelius, prime punte di peso del Parma di D'Aversa ci saranno, per ora, oltre ai due già citati, il nuovo acquisto Yann Karamoh e il confermatissimo Gervinho. Quello che balza all'occhio è che tre su quattro degli esterni alti crociati prediligono il piede sinistro.

Siligardi, Sprocati e Karamoh, infatti, sono per lo più mancini, col solo Gervinho per predilige il piede destro. Il tecnico, quindi, che è solito schierare gli esterni alti sulla fascia opposta, dovrà quindi adattarsi alle esigenze dei calciatori rinunciando, per ora, alla sua impostazione di gioco preferita. Se dovesse mancare l'ivoriano, inoltre, il Parma si troverebbe costretto a giocare con due esterni mancini. Un aspetto che non cambierebbe il gioco di D'Aversa, che ha dimostrato di sapersi adattare ad ogni situazione.