Rassegna stampa - Onofri: "Parma già certo della salvezza, può togliersi altre soddisfazioni"

12.03.2019 08:19 di Nico D'Agostino   Vedi letture
Rassegna stampa - Onofri: "Parma già certo della salvezza, può togliersi altre soddisfazioni"

Intervenuto ai nostri microfoni in esclusiva, il commentatore Sky ed ex rossoblù Claudio Onofri ha così parlato di Parma-Genoa: "Ho visto un match bruttino nel primo tempo. Giocando in casa, è chiaro che mi aspettavo qualcosina in più dal Parma, e invece i primi 45' sono stati abbastanza noiosi. Nel secondo tempo, onestamente, il Genoa ha attaccato di più, creando i presupposti per vincere la gara. La partita, secondo me, doveva finire pari, ma un episodio ha determinato la vittoria dei ducali. Il VAR va usato al meglio, senza abusarne. Però, sai, un calcio d'angolo diventa un'azione potenzialmente pericolosa, così come poi è stato. Perciò potevano essere riviste le immagini. In ogni caso il Parma si sta comportando benissimo, sta facendo un grande campionato. La squadra è stata costruita in base alle idee dell'allenatore: anche in B l'atteggiamento era simile.Kucka, se sta bene, è il pezzo da novanta di quel centrocampo. Va bene Rigoni, Scozzarella, Barillà, Machin e gli altri, però lui è di un gradino superiore rispetto agli altri. Sabato, gol a parte, si è visto poco, però è un giocatore forte. Io me ne sono innamorato durante i Mondiali del 2010, quando il Genoa lo prese ero soddisfattissimo. Per il Parma lui va benissimo, non bene. Inglese, poi, mi sta facendo una grande impressione per la completezza e la maturità che ha acquisito. Il Parma deve cercare di togliersi qualche altra soddisfazione, magari contro le big. La tranquillità deve essere accompagnata dalla concentrazione, perché se si è solo tranquilli, si rischiano brutte figure. Un aspetto importante è che si può già intravedere il panorama del prossimo anno a livello di mercato, perché si sa già che il Parma giocherà ancora in A. Squadre come Empoli e Frosinone, invece, ad esempio, al momento non possono programmare nulla: devono pensare al presente più che al futuro".