LIVE! D'Aversa: "Finora il giudizio è 10 e lode: ragazzi sin qui straordinari, ma non siamo appagati"

28.12.2018 14:35 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
Fonte: Dal nostro inviato Mattia Boselli
LIVE! D'Aversa: "Finora il giudizio è 10 e lode: ragazzi sin qui straordinari, ma non siamo appagati"

14.35 - Fine della conferenza di D'Aversa. Grazie per averci seguito.

Ci fa un bilancio del Parma a metà campionato?
"I ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario, soprattutto per quello che stanno facendo quest'anno. Se pensiamo a quello che è successo questa estate, con tutte le difficoltà del caso, ad oggi il giudizio è 10 e lode. Domani speriamo di continuare con questo giudizio, ma comunque il risultato non cambierà il giudizio che ho dei ragazzi. In ogni caso, non dobbiamo sentirci appagati; ma a prescindere da tutto, questi ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario".

Fin qui avete addirittura fatto meglio in trasferta:
"Abbiamo fatto tredici punti su venticinque che abbiamo in trasferta. In questo momento i numeri dicono che abbiamo fatto meglio fuori casa. A volte non siamo stati troppo precisi in casa, come dimostrano i pali presi contro Chievo e Bologna, però cercheremo di migliorare anche questo aspetto".

Come arriva la Roma a livello mentale?
"A livello mentale arrivano bene a questa partita. Non sono d'accordo che non abbiamo nulla da perdere: è vero che veniamo da una prestazione positiva, è vero che i ragazzi han fatto qualcosa di straordinario nel 2018, però visto che ci siamo... Io credo che dobbiamo cercare di far risultato a tutti i costi, questa squadra non vuole smettere di stupire. La volontà deve essere quella di finire nel migliore dei modi, indipendentemente dal fatto che affrontiamo una squadra forte".

Il Parma penserà solo a ripartire o cercherà anche di costruire?
"Se concedono qualcosa, giocatori di gamba a campo aperto possono sfruttare le loro caratteristica. Loro però saranno molto attenti a non concederci ripartenze. Sulla carta sono più forti, ma cercheremo anche di giocare sfruttando le nostre caratteristiche in fase di costruzione. Non ci precludiamo la fase di costruzione, ma sappiamo come metterli in difficoltà".

Ormai siete abituati agli infortuni, ha già pensato all'undici di domani?
"Siamo abituati agli infortuni, ma aspettiamo domani".

Pescara è terra di allenatori, qual è il segreto?
"C'è anche Vivarini che allena in B. Io, Oddo e Grosso siamo cresciuti insieme a livello calcistico. L'ultima volta che abbiamo vinto i Mondiali c'erano due giocatori di Pescara, non so cosa c'è ma per una regione così piccola il fatto di avere tanti allenatori è un fatto da tenere in considerazione".

Come si affronta la Roma?
"Prima, quando parlavo dell'attenzione da porre sul chi sarà il loro attaccante centrale, mi riferivo al fatto di avere un baricentro più alto o più basso in base a quello che può essere il loro centravanti. Schick contro il Sassuolo ha dimostrato di sfruttare bene la profondità. La Roma è forte sulle fasce e sulle sovrapposizioni, e non ti permette una certa aggressività. Bisogna affrontarli in modo intelligente".

Iacoponi ha fatto una gran partita ed è un po' il simbolo di questo Parma, visto che c'era già in Serie C...
"Quel che sta facendo dà soddisfazione, anche agli occhi dei più piccoli. E' la dimostrazione che nella vita bisogna crederci sempre, lo abbiamo preso quando eravamo in Serie C. Il fatto che quest'anno stia dimostrando di meritarsi la A per me è un orgoglio: siamo stati bravi a scegliere non solo il giocatore, ma anche l'uomo. Quello che non bisogna sbagliare è la scelta degli uomini. Tutto il gruppo è composto da grandi uomini, mi ritengo fortunato".

Bastoni e Zaniolo sono il futuro?
"Sono due giocatori del '99, anche se vengono da un percorso diverso. Si tratta di prospetti importanti, Zaniolo gioca anche in un contesto con certe pressioni per cui è già un giocatore importante. Anche Bastoni comunque diventerà un giocatore importante".

La vittoria a Firenze è stata una prova di cinismo:
"Potevamo sfruttare altre situazioni, come anche l'espulsione. Hanno fatto tanti tiri, ma hanno tirato spesso da fuori. Tatticamente la squadra ha interpretato bene anche le gare precedenti, ma a Firenze abbiamo fatto gol con Inglese - che pure non era in condizioni fisiche ottimali, non si è allenato né ieri né oggi. Contro il Chievo invece ha preso il palo. A Firenze siamo stati bravi a sfruttare la circostanza, anche segnando in chiusura di primo tempo. L'abbiamo interpretata in modo perfetto, ma con l'umiltà di chi si vuole salvare, e questa deve essere la nostra costante".

Quali sono le qualità della Roma?
"Hanno molta fisicità, sembrano una squadra di basket e sono molto forti sulle palle inattive. Hanno giocatori forti, come Zaniolo che è giovane ma già può fare la differenza. Quando hai tanti giovani può capitare che ci siano dei momenti di non-continuità. Dovremo essere bravi ad affrontare la gara con il giusto atteggiamento, la Roma ha tante potenzialità".

Come giudica i fatti di San Siro?
"Secondo me non è semplice giudicare. Ho visto la partita, in diretta non si era capito, mentre dal campo le sensazioni sono state differenti. C'è un problema di cultura, abbiamo da imparare rispetto all'Inghilterra. Il calcio deve essere un evento sportivo, purtroppo esistono gli stupidi. Credo vadano fatte delle leggi anti-razzismo, purtroppo è un problema culturale che andrebbe sistemato, servirebbe anche un'educazione diversa sin dalle scuole materne. Ma ripeto, non è semplice giudicare".

Che rapporto c'è con Di Francesco?
"Lo conosco da molti anni, lo stimo molto anche come uomo. Ha fatto la trafila dalla Serie C e lo considero uno dei migliori allenatori italiani, anche quest'anno lo sta dimostrando nonostante la Roma abbia cambiato molto. E' in corsa per il suo obiettivo e ha passato il primo turno della Champions".

Che squadra è la Roma?
"Vengono da una gara importante contro il Sassuolo, hanno recuperato autostima. I loro terzini spingono molto, con gli esterni che si accentrano e giocatori di gamba, hanno qualità nel possesso palla. E' una squadra che va limitata e che ha qualità importante. Dobbiamo lavorare in modo compatto, con molta attenzione sul loro terminale offensivo. Dobbiamo essere umili, essendo bravi a mettere la partita sui giusti ritmi, con determinazione e voglia di vincere i duelli, sfruttando al massimo le possibilità che ci possono capitare".

Scozzarella non ci sarà, da chi sarà sostituito?
"Matteo non sarà convocato, dobbiamo valutare per vedere cos'ha. In quel ruolo ho provato sia Stulac che Rigoni, Luca ha già ricoperto quel ruolo".

Ecco le prime parole di mister D'Aversa: "E' chiaro che abbiamo fatto pochi allenamenti, oggi abbiamo fatto la rifinitura quindi aspettiamo domani per prendere le decisioni finali, considerando la condizione fisica e gli infortuni. In questi casi, con tre partite in una settimana, si aspetta sempre l'ultimo momento per decidere".

14.00 - Buon pomeriggio, amici di ParmaLive.com. Tra poco saremo in grado di offrirvi in diretta scritta, grazie alla presenza del nostro inviato a Collecchio, la conferenza stampa pre-partita di Roberto D'Aversa, che parlerà così alla vigilia del match contro la Roma. Il tecnico abruzzese, dunque, risponderà alle domande della stampa in vista della gara di domani. L'appuntamento è fissato tra un quarto d'ora circa, restate con noi!