D'Aversa sulle assenze: "Numericamente abbiamo qualche difficoltà, ma niente alibi"

23.02.2019 14:50 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
D'Aversa sulle assenze: "Numericamente abbiamo qualche difficoltà, ma niente alibi"

Nella prima parte della sua conferenza stampa prepartita, l'allenatore del Parma Roberto D'Aversa si è soffermato a parlare in particolare dei problemi di formazione, per poi passare a un'analisi su quello che manca in questo momento alla squadra crociata. Queste le sue parole: "Ci sono diversi problemi fisici. Numericamente abbiamo qualche difficoltà, soprattutto in difesa dove si è fermato anche Bastoni. In attacco si è fermato Ceravolo. Ci giocheremo questa partita difficile ma bella, e questo deve invogliarci ad affrontarla nel migliori dei modi. Nelle difficoltà ci ricompattiamo. Anche Stulac e Scozzarella sono fuori".

Sulle tante assenze:
"Bisogna pensare in maniera positiva, non dobbiamo crearci alibi. Ci saranno giocatori che vogliono dimostrare il loro valore".

Sul match di andata:
"Se si va ad analizzare il nostro campionato, l'andata è una delle poche gare che abbiamo sbagliato. Di fronte abbiamo una squadra come il Napoli che non è una concorrente diretta, però l'importante è il nostro atteggiamento e dobbiamo cercare di portare a casa il risultato. E' chiaro che loro sono forti sotto il profilo del palleggio e hanno qualità. Meritavano sia con il Torino che a Firenze, non dobbiamo pensare che possano essere in difficoltà. Forse all'andata è stata anche criticata troppo la nostra prestazione, ma siamo consapevoli che affrontiamo una sfida difficile. Per renderla meno difficile, dovremo essere aggressivi, compatti e avere spirito di sacrificio. Questo non c'è stato nella partita di andata, ma come atteggiamento non posso rimproverar nulla ai ragazzi. Rispetto a Cagliari certo, ci vuole qualcosina in più".

Sembra che il Napoli sia ormai troppo lontano dallo scudetto:
"Non mi aspetto una squadra delusa, poi mancano tante partite e nulla ancora è precluso. Ancelotti ha grande esperienza e sono sicuro che verranno qui per vincere, sperando in un passo falso delle altre. Il calcio è talmente strano e particolare che, finché c'è una possibilità, non bisogna mai sentirsi appagati".