D'Aversa: "Peccato non aver sfruttato le occasioni. Importante aver recuperato Gervinho"

22.12.2018 20:32 di Redazione ParmaLive Twitter:   articolo letto 1029 volte
Fonte: dall'inviato Francesco Delendati
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
D'Aversa: "Peccato non aver sfruttato le occasioni. Importante aver recuperato Gervinho"

Intervenuto in conferenza stampa al termine della gara, Roberto D'Aversa ha commentato così il pareggio ottenuto oggi in casa al cospetto del Bologna di Inzaghi dalla sala stampa del Tardini: "L'aspetto positivo è quello di aver recuperato Gervinho, abbiamo difficoltà riferite al reparto difensivo. Fa piacere riavere l'ivoriano, dobbiamo cercare di concludere quest'anno nel migliore dei modi, abbiamo ancora due partite e poi avremo tempo per riposarci".

Peccato non aver vinto, ma il pareggio almeno non modifica la classifica.
"E' uno scontro diretto quindi vincere è importante ma lo è altrettanto non permetter loro di avvicinarsi. E' chiaro che analizzando la partita credo che abbiamo fatto qualcosina in più noi ma il calcio è fatto di episodi, di determinazione, di cattiveria, quindi quando ci capita l'occasione dobbiamo essere bravi a sfruttarle tutte, e lì non siamo stati bravissimi".

Il Bologna vi ha dato pochi spazi, ma cosa non ti è piaciuto della tua squadra?
"Avrei voluto che la squadra pazientasse ancora in assenza di spazi, invece di giocare queste palle in verticale visto che loro in difesa sono strutturati benissimo in difesa. Dovevamo invece aspettare e provare a tirare fuori il terzo difensore, ma non è semplice. Bisogna però sempre ragionare in maniera positiva".

Gervinho è tornato oggi e sta bene, lui quando ci sono avversari così arroccati fa fatica:
"La sua caratteristica migliore è la velocità nello spazio ma credo che anche tra le linee sa essere devastante. Se servito è un giocatore agile nel breve, credo che la problematica di oggi sia stata principalmente la costruzione del gioco". 

Al di là della partita di oggi, sono quattro partite che manca il gol su azione, è un campanello di allarme?
"Se si guardano gli aspetti negativi si guarda questo, io da allenatore mi concentro su altro. Qualche tempo fa si parlava di una squadra che non segnava da fermo, ora si tira fuori il gol su azione... se pensiamo di poter vincere sempre c'è da preoccuparsi. C'è qualcun'altro invece che deve preoccuparsi, non io. Le aspettative sono importanti anche per i giudizi, io non sono preoccupato".

A Firenze mancherà Bruno Alves, poi arriverà la Roma.
"Lo rimpiazzeremo con un altro giocatore, vedremo con chi. Avremo due partite difficili ma il calcio è bello per questo, magari oggi le aspettative erano alte e invece contro chi si può pensare non ci possa essere partita possono arrivare delle soddisfazioni".