Bruno Alves: "Io vicino alla Juve, ma non ci penso. Vietato cambiare atteggiamento e mentalità"

21.02.2019 16:31 di Mattia Bottazzi Twitter:   articolo letto 781 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Bruno Alves: "Io vicino alla Juve, ma non ci penso. Vietato cambiare atteggiamento e mentalità"

"Credere in quello che stiamo facendo, seguire il mister e non cambiare atteggiamento dopo questi risultati negativi". E' questa la ricetta per il rilancio dettata da capitan Bruno Alves, il quale ha parlato del momento dei crociati in un'intervista rilasciata a La Gazzetta di Parma: "Siamo gli stessi giocatori e resteremo noi stessi con la nostra mentalità. E' normale avere alti e bassi in una stagione lunga e difficile come quella di Serie A. ma dobbiamo avere la personalità di uscirne. Non dobbiamo cambiare per via degli ultimi risultati ma lavorare ancor più duramente. Quello che ti fa diventare capitano non è l'anzianità, ma il fatto che i compagni credano in te, e mi fa piacere che ovunque vada mi si dia fiducia. Posso solo ringraziare D'Aversa, mi ha fatto diventare un difensore più forte a 36 anni e sta facendo giocare la squadra a livelli altissimi".

Passato e futuro - "L'importante è aver voglia di imparare ed essere aperti ad ogni esperienza, per me è stato importante apprendere culture diverse. Così si diventa più completi. Non penso al futuro, penso solo al Parma, il mio unico pensiero è essere un giocatore migliore di quello che sono adesso. Quando smetterò penserò a cosa fare".

Gennaio e la Juventus - "Ci sono andato vicino, ma ora è una cosa chiusa e sto bene qui a Parma dove ho firmato fino al 2020. Sono gratificato perché ho visto che è stato apprezzato quanto fatto qui in sei mesi. A 37 anni è comunque bello essere accostati ad una big come la Juve".