Juventus, Chiellini: "Oggi non era facile, il Parma in casa è pericoloso"

24.08.2019 22:05 di Redazione ParmaLive Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Juventus, Chiellini: "Oggi non era facile, il Parma in casa è pericoloso"

Giorgio Chiellini, al termine della gara di Parma, parla così dopo il successo raccolto al Tardini ai microfoni di Sky: “Io partirei dalla cosa più importante, cioè che non abbiamo preso gol dopo un precampionato così così e un finale di campionato scorso dove avevamo un po’ staccato. Oggi non era facile, il Parma in casa è pericoloso. Siamo riusciti a fare una partita compatta e nel primo tempo meritavamo di stare almeno 2-0. Juve cantiere? Quando inizi la stagione non è mai facile, quando cambi l’allenatore alcuni principi sono diversi, non migliori ma semplicemente diversi. Dobbiamo migliorare e dobbiamo farlo vincendo, oggi ci siamo riusciti. Piano piano faremo sempre più quello che ci chiede il mister e con l’aumento della condizione sicuramente sarà più facile”.

L’assenza di Sarri ha pesato?
“È un’assenza relativa quella di oggi, paghiamo di più l’assenza in settimana. La partita tra virgolette è la corsa più semplice, ma in settimana la squadra si è allenata con grande partecipazione. Sicuramente ci siamo detti in questi giorni che l’importante è crescere vincendo, è nel dna della squadra e non si deve perdere”.

Dybala in panchina:
“Paulo si è sempre allenato molto bene. La nostra panchina ha grandissimi calciatori, nessuno è contento chiaramente quando non gioca. Il gruppo deve andare nella stessa direzione, bisogna dare il massimo anche quando non si gioca e sicuramente questo Paulo lo sa bene”.

Sulla nuova Juventus:
“Sicuramente è un po’ presto per trovare aggettivi. Abbiamo cercato di alzare l’asticella e di snaturare un po’ il nostro dna, anche se la squadra va sempre avanti con il lavoro quotidiano. Sono cambiate tante facce alla Continassa, è cambiato il modo di allenarsi, ma lo facciamo con entusiasmo. C’è voglia di integrarsi perché l’obiettivo comune è di vincere, poi il modo di arrivarci può cambiare ma ciò che conta è il risultato”.