Juventus, Allegri a Sky: "Non meritavamo a Roma, oggi meritavamo di più: ci può stare"

02.02.2019 23:14 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Juventus, Allegri a Sky: "Non meritavamo a Roma, oggi meritavamo di più: ci può stare"

Ai microfoni di Sky Sport dopo Juventus-Parma 3-3 è intervenuto il tecnico bianconero Massimiliano Allegri. Queste le sue parole: "Abbiamo accontentato tutti quelli che volevano vedere il bel gioco, che però alla fine non paga sempre, siamo stati superficiali nella gestione del pallone. Abbiamo fatto una bella partita, preso due pali, ma sul primo gol eravamo un po’ aperti, sul secondo ci siamo fatti infilare centralmente dove bisognava stare più stretti. Sul terzo gol la partita era finita, bastava tenerla lì e la gara era finita. Non meritavamo a Roma, meritavamo qualcosa in più stasera, quindi alla fine può stare".

Un caso che Ronaldo segni con Mandzukic?
"Mandzukic ha fatto una buona gara, sul pallone finale sapevo che finiva così: mi ha fatto morire. Però diciamo che oggi abbiamo lasciato i punti presi a Roma, è giusto essere a +9. Ma non sono preoccupato".

Non pensi al 20 febbraio?
"Perchè? C'è una partita? Madrid è bellissima...".

Pensi ci siano problemi in difesa?
"Caceres ha giocato bene, Inglese vive un ottimo momento di forma. Abbiamo lasciato troppo uomo contro uomo, poche coperture. Nella ripresa serviva aiuto. Spinazzola si è comportato in alcuni casi da quinto, non da quarto, ma ha fatto bene".

Vi mancano troppo Bonucci e Chiellini?
“Tra 10-15 giorni rientreranno. Caceres e Rugani hanno fatto una bella partita, è chiaro che Martin non giocava da un po’. È la prima volta che giocavano in quattro, nel primo tempo mi sono piaciuti, poi ci sono state un paio di situazioni in cui si è comportato da quinto e non da quarto. Nonostante questi errori la partita era chiusa".

Ci sono stati dei momenti dove si poteva rallentare l’attacco del Parma con un po’ di possesso palla?
"C’era la possibilità, ma eravamo presi dall’andare avanti e dal fare gol. Dobbiamo trovare l’equilibrio, non possiamo pensare di fare 4-5 gol a partita. Se fossi uno spettatore mi sarei divertito, ma è normale che spesso siamo rimasti uno contro due dietro. Nel primo tempo c’è stata grande pressione. I gol li abbiamo sempre fatti, ci sono dei momenti in cui devi difendere. Siamo un po’ più pigri con le gambe. Con la squadra che ho a disposizione è semplice tirare 50 volte in porta, bisogna capire come fare a non concedere. Dobbiamo fare ancora tanti punti, il Napoli sta facendo una grande stagione, ma noi per ora la stiamo facendo meglio. Analizziamo il momento, alla prossima prendiamo la bandierina e facciamo scoppiare il pallone".