Gerson sfortunato, Simeone sbaglia troppo. Le pagelle di ParmaLive.com

19.05.2019 17:20 di Giuseppe Emanuele Frisone   Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
Gerson sfortunato, Simeone sbaglia troppo. Le pagelle di ParmaLive.com

Lafont 6 - Nel primo tempo viene graziato dal palo di Gervinho, nella ripresa è Benassi a salvarlo sulla linea. Non può nulla però sul gol del Parma.

Milenkovic 5,5 - Un po' in sofferenza nei primi 45', soprattutto su qualche folata di Gervinho. Meglio nella ripresa, anche se sbaglia una ghiottissima occasione da pochi passi.

Ceccherini 5,5 - Partita onesta quella dell'ex centrale del Crotone, che non concede molto agli attaccanti del Parma. Tuttavia non è impeccabile sul cross dal quale nasce il gol decisivo dei crociati. 

V. Hugo 6 - Il migliore della retroguardia viola: è quello che soffre meno. Va anche vicino al gol sugli sviluppi di un corner. 

Biraghi 5,5 - Poco in mostra come propulsione offensiva: a parte un tiro alle stelle, non lo si vede praticamente mai. Piuttosto attento invece in fase difensiva.

Veretout 5,5 - Ha qualità ma non lo si vede quasi mai: non riesce a dare quella marcia in più alla Fiorentina che ci si aspetterebbe dal francese.

Gerson 5,5 - Partita discreta in mezzo al campo, dove lotta molto al cospetto dei centrocampisti crociati. Tuttavia è suo lo sfortunato tocco, sul quale non ha colpe, che batte Lafont e regala la salvezza al Parma.

Benassi 6,5 - Il migliore dei viola. Si fa vedere in avanti, dietro salva praticamente un gol già fatto sulla linea di porta. 

Mirallas sv - Deve abbandonare per infortunio dopo neanche mezz'ora di gioco. Dal 28' Dabo 5,5 - Gioca sulla fascia dimostrandosi attivo ma anche troppo irruento. Suo il fallo, un po' ingenuo, dal quale nasce il gol del Parma; dall'84' Vlahovic sv.

Simeone 5 - Polveri bagnate per l'attaccante: troppi errori sotto porta che risultano decisivi nell'economia finale dell'incontro. Dal 69' Muriel 5,5 - Non riesce a dare la scossa.

Chiesa 6 - Non è al top anche per una botta che rimedia nel primo tempo. Sbaglia molto ma è anche quello che ci prova di più, senza arrendersi mai.