Sosta benedetta: crociati con l'undici 'titolare' solo per 16 minuti

10.10.2018 17:16 di Redazione ParmaLive Twitter:   articolo letto 809 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Sosta benedetta: crociati con l'undici 'titolare' solo per 16 minuti

Benedetta sosta, arrivata nel momento migliore possibile per un Parma che a livello di energie nervose era al massimo, ma che per disponibilità di giocatore era ridotto ai minimi termini, specie dopo i problemi avuti da Sierralta, Gagliolo e Bruno Alves nella settimana pre-Genoa. Ora due settimane di stop e di recupero per una squadra che ha assoluto bisogno di recuperare i propri titolari per giocarsi un campionato che l'ha vista assoluta rivelazione, ma che è lontano dall'essere finito: lo sa D'Aversa, lo sanno i tifosi, ansiosi di riavere a disposizione la predisposizione al sacrificio e il fiuto del gol di Inglese, la devastante velocità di Gervinho e la qualità a centrocampo di Grassi. I tre, con Stulac, Bruno Alves, Sepe e Gobbi, sono le sette novità che D'Aversa sembra aver scelto per la "formazione tipo", almeno seguendo le indicazioni di queste prime otto gare di campionato. Ma quante volte il tecnico ha avuto la possibilità di schierare il suo undici titolare, quello migliore possibile secondo le sue idee? Quasi mai, precisamente per i sedici minuti finali di SPAL-Parma, quando Gervinho fece letteralmente ammattire la difesa estense ma il Parma non riuscì a rimediare neanche un punto. Un po' poco se si considerano i 720 minuti giocati fino ad ora da Stulac, i 708 di Barillà, etc etc. Da questi numeri dovrà ripartire il Parma dopo la sosta, per provare a fare ancora meglio rispetto agli otto turni fino ad ora giocati.