LIVE! D'Aversa: "Parma merita palcoscenici migliori"

Diretta scritta su ParmaLive.com. Aggiorna la pagina per seguire il LIVE in diretta!
 di Sebastian Donzella  articolo letto 1199 volte
LIVE! D'Aversa: "Parma merita palcoscenici migliori"

00:45 - Si chiude la puntata di Speciale Serie B su Sportitalia che ha visto tra i protagonisti Roberto D'Aversa. Grazie per averci seguito su ParmaLive, buonanotte a tutti voi! 

D'Aversa sull'attacco crociato: "Nella prima partita avevamo fatto un gol su azione con Nocciolini ma era stato annullato per darci un calcio di rigore. Calaiò e Insigne stanno facendo benissimo e stanno finalizzando tutto quello che costruisce il resto della squadra. Calaiò dovrebbe essere più egoista, dovrebbe vivere maggiormente per il gol e partecipare magari meno alle azioni".

Il tecnico crociato sulla Salernitana: "Devo fare un plauso ai miei ragazzi visto che con i granata abbiam portato a casa il risultato in 9 contro 11 anche se, all'inizio, la gara era molto diversa. È una squadra che non molla mai e mette tutti in difficoltà: è già alla quarta grande rimonta in campionato, significa che ha grandi caratteristiche morali e tecniche".

D'Aversa sul suo rapporto col Pescara: "Vivo a Pescara e sinceramente sono molto legato alla piazza e alla proprietà, essendo molto amico di presidente e diesse. Mi auguro possano avere molta fortuna, sempre arrivando dietro di noi (ride NdR)".

Soddimo sulla vittoria col Parma: "A inizio partita c'è stato molto equilibrio, poi ci hanno anche messo in difficoltà scendendo parecchio. Alla fine l'abbiamo vinta per un episodio, e mi dispiace per Frattali che conosco." 

D'Aversa ricorda il suo passaggio da giocatore ad allenatore: "Potevo continuare ma nell'ultimo anno in carriera, a Lanciano, feci 14 presenze. Il fisico ti fa capire quando devi smettere e già quell'anno pensai a fare il mister. Mi dissi che se ci fossimo salvati avrei smesso. Fu una specie di fioretto. E quello che ho fatto da allenatore per me è un motivo di orgoglio. Il rispetto che mi son guadagnato da giocatore l'ho ritrovato da allenatore visto che è impossibile allenare subito dalla Serie B ma a me lì è successo".

Mammarella sullo stesso D'Aversa: "Meglio giocatore o allenatore? Meglio come mister, da giocatore l'ho incontrato a fine carriera (ride NdR). 

Su Ceravolo: "La società ha operato bene, accontentando le mie richieste. Su Ceravolo non siamo stati fortunatissimi. È un giocatore importante, mi spiace non avercelo quasi mai avuto. Però non mi piace parlare degli assenti anche perché Fabio sta male a non poter dare il suo contributo. Sono dispiaciuto per lui ma ci sono altri giocatori come Calaiò e Nocciolini che non stanno facendo sentire la sua mancanza. Sostituirlo? Ancora è presto per parlare di mercato. Mi auguro comunque che Fabio possa rientrare il prima possibile perché era uno degli obiettivi di inizio anno per completare un reparto importante. Non dimentichiamoci Calaiò: ci giocavo anche insieme a Siena e avevo visto già all'epoca che aveva certe qualità e avrebbe anche potuto avere una carriera migliore".

Insigne in grande forma: "Ha qualità importanti. Deve capire che deve determinare e in questo momento sta determinando. Finché continua a lavorare in settimana con entusiasmo può togliersi delle soddisfazioni. Deve capire che non deve essere solo bello ma determinato. E soprattutto non si deve accontentare".

Sulla vittoria di oggi: "Tutto il tridente ha fatto belle azioni, per fortuna concluse con il gol. Potevamo chiudere prima la partita, magari arrotondando anche il risultato. Solo nel primo tempo, su un errore nostro, Iacoponi ha salvato la palla sulla linea. Abbiamo sofferto i primi minuti della ripresa ma nel complessivo la vittoria è meritata".

Domanda insidiosa dell'esperto di mercato Alfredo Pedullà al tecnico gialloblù: "Firmare per il terzo posto? No. Sulla carta ci sono squadre più attrezzate di noi per aver usufruito del paracadute per la retrocessione. Questo non significa che noi non cerchiamo di ottenere il massimo ma al momento non sappiamo quale può essere. Cercheremo di arrivare davanti alle favorite. Questo però non significa che la mia società non si è mossa bene sul mercato".

Sul Frosinone, rappresentato quest'oggi a Sportitalia da Danilo Soddimo: "Soddimo è bravo a scaricare la responsabilità sulle altre squadre. È consapevole della forza sua e del Frosinone che ha mantenuto la maggior parte della rosa della Serie A aggiungendo giocatori importanti. Nel momento in cui nella mia squadra alcuni giocatori prenderanno la condizione fisica ottimale e altri rientreranno pienamente in organico daremo del filo da torcere a tutti".

Sulla sfida al Palermo: "Sono stati bravi a preparare la partita sotto l'aspetto mediatico, con le tante assenze dei Nazionali. Ma c'è un regolamento e già si conosce prima di iniziare il campionato. Bisogna ricordare però che non tutti hanno la possibilità di giocare con otto Nazionali di prima squadra, non ragazzi di Under 19 e 21. Non mi ricordo un club di Serie B con tutti questi Nazionali: alcuni li abbiamo visti contro l'Italia. Contro di noi c'erano comunque giocatori molto importanti. Mi spiace che a qualche allenatore piaccia piangere durante la settimana. Credo che comunque il Palermo sia forse la più accreditata per il salto: piazza molto importante. Io però guardo in casa mia e penso al blasone della mia squadra".

D'Aversa sulla capolista Palermo e sul rigore solare non concesso alla Cremonese contro i rosanero: "A me non piace commentare episodi altrui però se vediamo l'atteggiamento dei tre difensori del Palermo, si capisce che si aspettavano un fischio dell'arbitro. Credo che l'arbitro abbia valutato importante il tocco con la testa prima di quello col braccio. Però non mi piace commentare gli episodi in generale: non lo faccio con quelli a mio favore o sfavore, non lo faccio con quelli altrui".

Negli studi di Sportitalia mister D'Aversa ha ritrovato un altro ex Lanciano, Mammarella, tra i migliori a battere le punizioni in cadetteria, ora alla Pro Vercelli. Questo il pensiero del tecnico crociato: "Lavorare sulle palle inattive è molto importante ma se non hai chi le batte bene puoi provarci quanto vuoi".

Sulla gara vinta oggi a Cittadella: "Non era una partita semplice, il Cittadella porta avanti da diversi anni un certo senso d'appartenenza. Pur senza nomi altisonanti mostrano sempre bel calcio. Oggi i miei ragazzi sono stati bravissimi a portare a casa il risultato pieno, sono stati sereni e non si sono innervositi dopo il pari e alcuni episodi particolari e, alla fine, sono riusciti a portare a casa la partita".

Ecco le prime parole di D'Aversa a Speciale Serie B: "La piazza merita palcoscenici migliori. Ora sta a noi eguagliare il blasone di una società e una città molto importante anche se non è semplice". 

D_Aversa_in_studio_a_Sportitalia

22:55 - Buonasera amici di ParmaLive.com. Tra poco seguiremo per voi il tecnico ducale Roberto D'Aversa in diretta dagli studi di Sportitalia. L'allenatore crociato sarà presente negli studi di Milano dopo il successo odierno ottenuto a Cittadella che ha permesso ai gialloblù di arrivare al terzo posto.