Dalla ricerca del centravanti all'abbondanza in attacco: Ceravolo-Calaiò l'arma in più per la A

12.03.2018 18:04 di Vito Aulenti Twitter:   articolo letto 472 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Dalla ricerca del centravanti all'abbondanza in attacco: Ceravolo-Calaiò l'arma in più per la A

E' incredibile come nel calcio (ma anche nella vita) le cose possano cambiare completamente nel giro di un paio di mesi. Solamente a gennaio i tifosi invocavano l'arrivo di un centravanti di grido, e la dirigenza, visti i problemi fisici di Ceravolo e di Calaiò, era effettivamente al lavoro per cercare di dotare D'Aversa di un attaccante da 20 gol a stagione. E' presto per dire se il Parma abbia definitivamente risolto i problemi in zona gol: la prova del nove arriverà nelle prossime partite. Ma di certo la situazione, dopo le ultime due gare, si è totalmente ribaltata: Emanuele Calaiò sforna gol, assist e prestazioni importanti, anche sotto l'aspetto difensivo, e Fabio Ceravolo non solo è un cecchino implacabile in area di rigore avversaria, ma permette pure alla squadra di sfruttare maggiormente la profondità. Se la condizione psico-fisica di entrambi resterà questa fino al termine della stagione, ci sarà davvero da divertirsi. E pazienza se uno dei due sarà costretto a restare in panchina: l'abbondanza è tutt'altro che un problema. E' un prezioso valore aggiunto.