Col Perugia altra delusione. Le speranze di una ripresa si chiamano Ciciretti e Ceravolo

13.02.2018 10:30 di Mattia Bottazzi Twitter:   articolo letto 599 volte
Col Perugia altra delusione. Le speranze di una ripresa si chiamano Ciciretti e Ceravolo

Anche il cambio di modulo non ha portato i frutti sperati al Parma che, anche col Perugia, ha rimediato una brutta prestazione e un pareggio che non ha per niente soddisfatto i tifosi. Domenica scorsa i crociati hanno offerto una prestazione ben al di sotto delle aspettative, giocando una partita deludente finita con i fischi dei tifosi sotto la curva. Sul banco degli imputati sono finiti praticamente tutti, dalla squadra accusata di poca cattiveria e agonismo, a mister D’Aversa e le sue scelte tecniche, per poi terminare con il mercato del direttore sportivo Daniele Faggiano e una società accusata di essere poco presente.

Sabato prossima arriva una squadra in salute, che con la cura Andreazzoli sembra rinata sia dal punto di vista del gioco sia dal punto dei vista dei risultati, con un tabellino di marcia nelle ultime giornate assolutamente impeccabile, e cioè l’Empoli. Il Parma, per provare a vincere questa partita avrà un estremo bisogno di qualcosa e soprattutto qualcuno che muova gli equilibri in campo, con le speranze di fare risultato che verranno riposte nel due Fabio Ceravolo e Amato Ciciretti. I due ex Benevento, nell’uscita di domenica pomeriggio, si sono dimostrati, seppure per uno scampolo di partita, elementi imprescindibili per questo Parma, con l’attaccante che ha segnato su rigore e ha colpito un palo, e l’esterno che, oltre ad aver propiziato l’azione del penalty, ha fatto vedere alcune giocate importanti. Chissà se D’Aversa stia pensando di schierare entrambi dall’inizio…