Ceravolo, Siligardi e Scozzarella attesissimi ma ancora inutilizzati: ci vuole cautela

 di Giuseppe Emanuele Frisone  articolo letto 909 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Ceravolo, Siligardi e Scozzarella attesissimi ma ancora inutilizzati: ci vuole cautela

Da più parti, nel variegato mondo social (e non solo), i tifosi del Parma hanno cominciato a chiedersi con una certa impazienza quando toccherà ad alcuni giocatori che sono stati considerati il fiore all'occhiello della campagna acquisti del club. Parliamo di Ceravolo, ma anche di Siligardi: i due, sin qui, non sono mai scesi in campo, proprio come Scozzarella, il quale nuovo acquisto non è, ma sui cui piedi il popolo gialloblu punta parecchio. Possiamo avere una risposta pensando alle parole del mister nel corso delle ultime conferenze stampa: questi tre giocatori, infatti, arrivano da un percorso particolare. Ceravolo, in particolare, è arrivato da Benevento con un leggero infortunio. Scozzarella e Siligardi, invece, venivano da fastidi fisici: proprio il regista è stato fermo quaranta giorni.

Insomma, la parola d'ordine è "cautela", onde evitare che ci siano brutte ricadute. Lo abbiamo visto l'anno scorso con Nocciolini, per il quale si è accelerato per il suo ritorno in campo, che si è fatto male al suo rientro. Massima fiducia a D'Aversa: lo schieramento di Munari nel ruolo di frangiflutti davanti alla difesa non ha infatti convinto tutti, anche perché giocatori come Scozzarella (o Corapi) potrebbero garantire più qualità nel giro palla. Tuttavia, chi vede i giocatori in allenamento tutti i giorni è proprio D'Aversa: se è la terza partita che il mister insiste su Munari in quella posizione, evidentemente c'è un motivo, che sia di equilibrio tattico o di condizione degli altri giocatori che possono ricoprire quel ruolo.

Ci vuole, quindi, pazienza: presto arriverà l'ora anche di quegli elementi tanto attesi che sinora non abbiamo visto, magari già dalla gara di Perugia. E' solo questione di tempo.