D'Aversa a Sky: "Vittoria meritatissima, la nostra umiltà sta facendo la differenza"

16.04.2018 22:48 di Nico D'Agostino  articolo letto 839 volte
© foto di Federico Gaetano
D'Aversa a Sky: "Vittoria meritatissima, la nostra umiltà sta facendo la differenza"

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport nel dopo partita di Ascoli, Roberto D'Aversa, ha così commentato la vittoria del suo Parma: "Unica pecca di questa partita è il non aver chiuso la partita con tutte le occasioni create nel primo tempo. Non bisogna far creare entusiasmo in uno stadio del genere, la partita è rimasta in equilibrio ma non abbiamo rischiato più di tanto, la vittoria è meritata".

Calaiò invecchia bene.
"Ha una grandissima professionalità, non si risparmia mai, nemmeno in allenamento. Se fa queste prestazioni alla sua età vuol dire che è molto merito suo".

Contento di Siligardi?
"Luca è un gran giocatore, anche il Verona l'anno scorso si è aggrappato a lui in un periodo della stagione, sono felice che sia rimasto. Non ha avuto continuità a causa anche di molti infortuni. Doveva uscire, ma è rimasto in campo stringendo i denti, ma è tutta la squadra che si è comportata molto bene e esalta le qualità dei singoli".

Forse bisognerebbe avere più altruismo sotto porta?
"No, non credo la squadra non pensa all'io personale. Penso sia invece importante avere più cattiveria e determinazione sotto porta, mi viene in mente l'occasione di Baraye nel primo tempo. In questo momento la differenza la sta facendo la compattezza e l'umiltà di come affrontiamo la partita e siccome affronteremo molte squadre che lottano per salvarsi, dobbiamo essere bravi a battagliare e giocare".

Altri giocatori in difficoltà fisiche.
"Si, volevo fare dei cambi tattici, ma ora valuteremo le situazioni e mi auguro non sia nulla di grave per nessuno".

Ora vi giocate la promozione diretta.
"Noi dobbiamo solo pensare alla prossima partita, col Carpi, che è una squadra difficile da affrontare. Bisogna essere concentrati già dalla settimana ed essere umili di poter raggiungere la vittoria noi, non dobbiamo recriminare su quanto diamo in campo, non dobbiamo pensare agli altri, dobbiamo avere fame. E' chiaro che se gli altri vincono sempre non dipendiamo solo da noi, ma intanto dobbiamo fare il nostro e vincere le nostre partite".