PL - Bonazzoli: "Il Parma si toglierà tante soddisfazioni. Ceravolo e Barillà sono da A"

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA
11.10.2018 20:57 di Nico D'Agostino  articolo letto 912 volte
© foto di Federico De Luca
PL - Bonazzoli: "Il Parma si toglierà tante soddisfazioni. Ceravolo e Barillà sono da A"

Emiliano Bonazzoli, ex attaccante del Parma ed attualmente allenatore del Thermal Teolo, è stato raggiunto dalla nostra redazione di Parmalive.com ed ha espresso il suo pensiero su questo primo scorcio di stagione della squadra crociata in serie A: "Ho seguito il Parma e mi ha fatto una buona impressione, sta seguendo il suo percorso che è volto al mantenimento della categoria e penso che si possa togliere anche delle soddisfazioni. Ha mantenuto l'ossatura dell'anno scorso inserendo elementi di qualità ed esperienza come Gervinho e Bruno Alves che si fa sentire in partita. Il Parma ha preso dei giocatori adatti ad esprimere il gioco che il tecnico aveva in mente e sta dando anche dei buoni frutti".

Quale giocatore l'ha impressionata di più?
"Il complesso della squadra, perché stanno dando tutti il 100% per farsi trovare pronti e stanno dando il massimo, ma naturalmente Gervinho ha una qualità superiore".

Da ex attaccante, le piace Inglese?
"Si, ha fatto benissimo nel Chievo tanto da arrivare al Napoli. E' un giocatore che conosce benissimo la categoria facendo sempre bene a Verona e per una squadra che si vuol salvare è un valore aggiunto. Diciamo che il reparto offensivo crociato non è da squadra che si deve solo salvare. Non parlo di Europa, ma una salvezza tranquilla è sicuramente alla portata della squadra di D'Aversa perché la qualità c'è".

Lei ha giocato a Reggio Calabria con Ceravolo e Barillà che stanno facendo bene anche in A.
"Ho giocato diversi anni con Nino (Barillà, ndr) che è un ragazzo che in gara dà tutto ed anche di più, se c'è un compagno in difficoltà lui è sempre pronto ad aiutarlo e per una squadra che si deve salvare è un valore importantissimo. Per quanto riguarda Fabio (Ceravolo, ndr), visti tutti i gol fatti nelle ultime annate in serie B, sono sicuro che può ritagliarsi dello spazio anche in questa stagione facendosi trovare pronto. Secondo me sono due giocatori che in Serie A ci possono stare benissimo e contribuiranno alla salvezza del Parma".

Cosa ne pensa della proprietà cinese del Parma?
"A dire il vero sono meno informato sulle vicende societarie, ma spero per la città e i tifosi che sia una società seria, non di passaggio, che stia vicino allo staff e ai giocatori e che possa raggiungere gli obiettivi prefissati, dando serenità e presenza con attaccamento ai colori del Parma".

In che rapporti è con il Parma, adesso?
"Purtroppo, da quando c'ero io sono cambiate tante cose e tante presidenze quindi non ho rapporti, ma mi piace seguire le vicende di una mia ex squadra alla quale sono legato da tanti ricordi e vittorie come la Coppa Italia 2002".

La Nazionale non se la passa molto bene, cosa pensa degli attaccanti italiani?
"Ci sono tanti attaccanti bravissimi come Immobile (che è stato capocannoniere l'anno scorso), Belotti, Zaza e Insigne. Sono giocatori completi che possono far benissimo, ma stanno pagando anche il brutto periodo della Nazionale in generale". 

Il campionato è già chiuso?
"Spero di no perché vorrei che fosse più divertente e non diventasse come il campionato francese, ma lo può perdere solo la Juve perché c'è un grosso gap con le altre. La Juventus può fare bene anche in Europa dove la vedo favorita insieme ad altre tre o quattro squadre".

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA