Calaiò, bomber completamente ritrovato, anche dal dischetto. Chi sarà l'altro centravanti? Negli ultimi giorni di mercato, possibili occasioni dalla A

 di Vito Aulenti Twitter:   articolo letto 750 volte
© foto di Matteo Papini/Image Sport
Calaiò, bomber completamente ritrovato, anche dal dischetto. Chi sarà l'altro centravanti? Negli ultimi giorni di mercato, possibili occasioni dalla A

Il Parma targato 2017-2018 riparte da una certezza: Emanuele Calaiò. E' infatti l'ex Siena ad aver segnato il maggior numero di gol nelle amichevoli pre-campionato, nonché ad aver firmato la prima (e per ora unica) rete ufficiale della squadra gialloblu, quella al San Nicola contro il Bari di Grosso. Non che vi fossero dubbi sulle qualità in zona gol dell'Arciere, che - numeri alla mano - è uno degli attaccanti italiani in attività più prolifici, ma nell'ultima parte della regular season del campionato scorso qualche perplessità era emersa, dato che si era visto un giocatore spento, irriconoscibile, anche sotto l'aspetto psicologico. Ora, invece, siamo di fronte ad un Calaiò completamente rigenerato, che ha ritrovato piena fiducia in se stesso, anche dal dischetto. Dopo gli errori dagli undici metri contro Maceratese e Reggiana, il classe 1982 aveva perso qualche certezza, tant'è che, pur essendo un rigorista, non era stato tra i protagonisti della lotteria dei rigori nella semifinale playoff contro il Pordenone. Adesso, invece, i rigori sono tutti di Calaiò, tornato infallibile dagli undici metri. Come ai tempi d'oro.

Pur parlando di un giocatore importantissimo per questo Parma, la carta d'identità dice che Calaiò difficilmente giocherà tutte le partite in programma quest'anno. Da qui la necessità, per la società ducale, di cercare una valida alternativa all'Arciere. I nomi accostati ai crociati sono tanti e importanti, ma Faggiano, giustamente, vuole analizzare nel dettaglio ogni soluzione, per scegliere - di concerto col mister - l'attaccante ideale per la squadra. Sarà importante tenere i nervi ben saldi e agire senza eccessiva calma (per evitare di ritrovarsi senza punta a ridosso del gong), ma allo stesso tempo senza farsi prendere dalla fretta, anche perché, come spesso accade, negli ultimissimi giorni di mercato potrebbero esserci delle occasioni imperdibili provenienti dalla Serie A.