A Empoli la risposta definitiva alla domanda che tutti ci poniamo. Contro il Perugia solita mancanza di personalità

 di Simone Lorini Twitter:   articolo letto 682 volte
© foto di Federico De Luca
A Empoli la risposta definitiva alla domanda che tutti ci poniamo. Contro il Perugia solita mancanza di personalità

Di che pasta è fatto questo Parma? E' questa la domanda che tormenta tutti i tifosi del Parma in queste settimane, con la squadra incapace di mettere in campo tutto quello che ha, e questo è fuori di dubbio, ma soprattutto non in grado di mantenere una certa continuità di risultati e soprattutto prestazioni nell'arco dei novanta minuti e delle ultime partite. Ad Empoli lo sapremo, mi sento in grado di dirlo: perché gli azzurri non sono più la squadra impresentabile di un girone fa, bensì una squadra che non si risparmia, che attacca per novanta minuti, che cerca la goleada e che con le big si esalta. Della serie: o si tira fuori le palle, o si prendono quattro gol, come già accaduto al Palermo. 

E chi si aspettava la cosiddetta risposta di carattere dalla squadra, è rimasto immancabilmente deluso: nella prima frazione si è vista sicuramente una squadra superiore all'avversario, ma mai in grado di tirare fuori quella dose di grinta che avrebbe portato al vantaggio, mancato nel primo tempo più per un'assenza di convinzione feroce che per una mancanza tecnica. Dal punto di vista tattico rimangono ancora tanti dubbi, così come sul rendimento pessimo di alcuni interpreti che in estate sembravano supercolpi. Ma senza la giusta determinazione, sembra davvero inutile disquisire di moduli e giocate tecniche.